Ryanair, obbligata dal governo a coprire tutti i suoi voli interni negli aeroporti delle Isole Canarie

Il Ministero dei Lavori Pubblici ha stabilito che Ryanair dovrà garantire fino al 59% dei voli verso la terraferma e le città straniere e fino al 100% verso le isole durante le due giornate di sciopero indette dai sindacati degli equipaggi di cabina il 25 e 26 luglio.

Conformemente alla risoluzione ministeriale che stabilisce i servizi minimi durante questi scioperi, la compagnia aerea irlandese deve garantire il 100 % dei voli nazionali verso le isole, tra il 35 e il 59 % sulle rotte verso le città continentali e il 59 % sui voli verso le città straniere.

Per quanto riguarda le città continentali, Ryanair dovrà fornire il 35 % dei servizi sulle rotte che comportano meno di cinque ore di viaggio e il 59 % sulle rotte che comportano cinque ore o più di viaggio.

Sono inoltre garantiti “tutti i servizi” il cui orario di partenza previsto era anteriore all’inizio dello sciopero e il cui arrivo previsto è previsto durante il periodo di arresto.

Ryanair dovrà “adottare le misure necessarie” per garantire che i servizi essenziali “siano forniti nelle normali condizioni di servizio”, mantenendo il personale strettamente necessario dell’equipaggio tecnico di condotta e “salvaguardando in ogni momento la sicurezza delle operazioni”, aggiunge la risoluzione.

Il numero di membri dell’equipaggio di cabina chiamati a scioperare dai sindacati dell’USO e del Sitcpla in Spagna è di 1.807, mentre i centri di lavoro interessati sono le basi di Madrid, Malaga, Gran Canaria, Barcellona, Alicante, Siviglia, Tenerife Sur, Palma di Maiorca, Valencia, Gerona, Santiago de Compostela, Ibiza e Lanzarote.


Fomento sottolinea che un passeggero che ha acquistato il suo biglietto con sufficiente anticipo per ottenere una tariffa economica e che, a seguito di uno sciopero, è costretto a cercare un biglietto presso un’altra compagnia aerea, “dovrà certamente pagare un importo molto più elevato di quello pagato per il suo biglietto originale”.

“Le date in cui viene chiamato questo sciopero, nel bel mezzo della stagione turistica estiva, influenzano l’elevato livello di occupazione dei voli, che rende difficile, se non del tutto impossibile rimediare”.

“I viaggiatori che hanno acquistato pacchetti di viaggio che includono viaggio e alloggio, spesso lo fanno con largo anticipo”, rendendo “difficile per loro trovare soluzioni alternative” e “rischiano anche di perdere gli altri servizi associati al pacchetto, come l’alloggio”.

Per ridurre al minimo l’impatto dello sciopero, Ryanair ha proceduto a cancellare fino a 400 voli in Spagna tra quelli previsti per questi due giorni, che interesseranno circa 75.000 passeggeri.

Il direttore marketing generale di Ryanair, Kenny Jacobs, ha detto che l’azienda ha già trasferito la metà di loro su altri voli nei giorni prima e dopo gli scioperi e si aspetta di aver risolto la situazione di quasi tutti loro.