Dopo i parcheggiatori abusivi, arrivano le concessionarie di auto

Fenomeno in crescita a Granadilla de Abona

Un gruppo di imprenditori di calle de Cho Portada, a San Isidro, ha denunciato all’Ayuntamento di Granadilla de Abona l’occupazione abusiva da parte di concessionarie di auto di circa 70 stalli pubblici.

La strada, parallela alla Autopista del Sur, attualmente concentra un congruo numero di attività sia nel settore automobilistico che in quello dei giocattoli e dei mobili per la casa, oltre a un centro di riabilitazione che riceve circa una dozzina di persone al giorno.

La scarsità di parcheggi in una zona altamente frequentata rappresenta un problema che attualmente è aggravato dalla presenza di concessionari di auto che occupano senza alcuna autorizzazione i pochi stalli presenti con i propri veicoli in mostra, attività vietata dall’ordinanza comunale in quanto occupazione abusiva di spazio pubblico.

Le denunce che si sono accumulate al Consistorio di Granadilla esprimono a pieno il risentimento di tutta la classe imprenditoriale della zona, che avrebbe perso il 50% delle entrate a causa della mancanza di parcheggi, e dei cittadini che non riescono a raggiungere agevolmente calle de Cho Portada.

Gli imprenditori hanno reso noto di diversi incontri con Jacobo Pérez, portavoce del Gobierno, durante i quali sarebbe stato garantito un intervento da parte delle autorità a risoluzione del problema che però, a dispetto delle promesse, risulta ancora presente.


Oltre al danno causato alle imprese e alle attività della zona, l’occupazione illegale da parte dei concessionari di auto colpisce anche i pazienti del centro di riabilitazione e gli stessi residenti.

La situazione, autentico calvario per tutti, risulta paradossale visto che esiste una ordinanza specifica che vieta l’occupazione di suolo pubblico ma che, inspiegabilmente, non viene applicata nonostante le numerose lamentele e denunce.

Daniele Dal Maso