Una nuova ordinanza disciplina l’installazione di impianti di fonti rinnovabili nell’isola

Secondo la nuova ordinanza circa la realizzazione di impianti di fonti rinnovabili, si apprende che potranno essere utilizzati solo i terreni classificati come rustici, e il Cabildo di Tenerife inizia vietando l’installazione di turbine eoliche a meno di 120 metri di distanza dalle strade dell’isola, oltre a rispettare i 250 metri da un centro abitato e oltre 150 da una casa isolata.

Tra le condizioni imposte, la nuova strada d’accesso non potrà superare il chilometro di lunghezza, ed è inoltre vietato l’uso di asfalto, con l’obiettivo di preservare il più possibile lo spazio naturale.

Al termine dell’installazione, i tratti di strada non necessari per il funzionamento del parco dovranno essere ripristinati, come dovrà essere ripristinata la vegetazione con specie endemiche, tenendo conto della loro compatibilità con l’ambiente.

Questa ordinanza regola anche le infrastrutture fotovoltaiche. La legge stabilisce che tali impianti saranno preferibilmente posizionati in luoghi nascosti e lontani dal traffico, soprattutto se si tratta di zone turistiche o di valore paesaggistico.

Sono ritenuti non adatti gli impianti fotovoltaici progettati su terreni con pendenza superiore al 25%, a meno che non vi sia una giustificazione per la fattibilità tecnica ed economica del luogo.

E’ stata regolamentata anche la dimensione degli impianti fotovoltaici. Dovranno avere dimensioni adatte per l’integrazione nell’ambiente e per essere assimilati alle strutture delle aree rurali tipiche della zona. In ogni caso, la superficie totale non potrà superare i 20.000 metri quadrati, e lo spazio tra due strutture adiacenti dovrà essere maggiore di 10 metri.


Scopo dell’ordinanza è incentivare la produzione di energia pulita sull’isola, regolamentando finalmente le specifiche tecniche per questo tipo di impianti, ma garantendo l’equilibrio ambientale e paesaggistico.

Le Canarie sono il territorio della Spagna con più ore di sole e l’utilizzo di parchi fotovoltaici a Tenerife sarà certamente redditizio, perché “molto più economico” rispetto ai metodi elettrici tradizionali.