Ricco programma di aiuti dello Stato all’Arcipelago

Il programma di aiuti dei vari settori economici e sociali dell’Arcipelago da parte dello Stato, si apre con quasi 100 milioni di euro da destinare alla realizzazione del Plan Estatal de Vivienda 2018-2021, firmato recentemente a Madrid dal ministro dello Sviluppo José Luis Abalos e dal ministro del Lavoro, Politiche Sociali e della Casa Cristina Valido.

Secondo il progetto, che prevede aiuti nel settore delle abitazioni da devolvere in 4 anni, l’Amministrazione Centrale contribuirà per un totale di 76.479.000 di euro distribuiti in rate da 18.550.000 per il 2018, 28.921.000 per il 2019, 19.292.000 euro per il 2020 e 19.716.000 per il 2021.

Le Canarie cofinanzieranno il piano con un importo pari a 22.943.700 euro, distribuito nei 4 anni.

Per la Valido, la firma di questo accordo quadriennale permetterà di pianificare e programmare al fine di ottenere una maggiore efficienza e agilità nella gestione dei diversi programmi inclusi nel piano, che ha come obiettivo il finanziamento a sua volta del Programma di aiuto per gli affitti degli alloggi e quindi la concessione di aiuti diretti ai residenti.

Al programma di promozione del miglioramento dell’efficienza energetica e della sostenibilità degli alloggi, sono previsti 4,4 milioni di euro; questo programma mira a rendere sostenibili sia le aree urbane che rurali, con particolare attenzione alla tipologia di edifici residenziali.

Per quanto riguarda il piano di promozione della conservazione, miglioramento della sicurezza d’uso e dell’accessibilità nelle abitazioni, lo Stato contribuirà con 8.200.000 euro e le Canarie con 860.000 euro.


Tra gli aiuti nel settore abitativo è previsto inoltre un finanziamento per il programma di promozione della ristrutturazione urbana e rurale, pari a 50.962.700 euro, dei quali 36.279.000 erogati dallo Stato e 14.683.700 dalle Isole Canarie.

Il programma in questo caso ha come obiettivo la ristrutturazione di edifici e case unifamiliari, lo sviluppo o la riqualificazione degli spazi pubblici e, se necessario, la realizzazione di nuovi edifici in sostituzione di quelli demoliti, all’interno di aree d’azione chiamate aree di rigenerazione e rinnovo urbano.

Infine un finanziamento di 7,5 milioni di euro è previsto per finanziare un programma di aiuti alla gioventù, a cui lo Stato contribuisce con 4 milioni di euro e le Canarie con 3,5 milioni di euro.

Quest’ultimo programma è destinato esclusivamente a sussidi per l’alloggio di case permanenti per giovani fino a 35 anni di età.

Daniele Dal Maso