L’ospedale universitario di Gran Canaria Doctor Negrín questa estate ha dato il via ad un servizio di sessioni di chemioterapia a domicilio, nell’ambito di un progetto del servizio sanitario delle Canarie che ha come obiettivo quello di migliorare la qualità della vita dei pazienti oncologici, riducendo le visite ospedalieri per trattamenti o analisi.

I pazienti che possono beneficiare della chemioterapia nella propria abitazione, sono generalmente quelli con sindromi mielodisplasiche, caratterizzate da alterazioni cellulari del midollo osseo.

Il servizio di assistenza domiciliare è rivolto soprattutto ai pazienti più anziani, al fine di evitare loro numerosi viaggi in ospedale che possono provocare enormi disagi, sia dal punto di vista fisico, che familiare, psicologico ed economico.

Obiettivo di questo programma, realizzato in collaborazione con la Fundación Canaria de Investigación y Salud, è di dimostrare la sicurezza e la gestione dei farmaci utilizzati in chemioterapia a domicilio, migliorando la qualità dei pazienti e favorendo un percorso terapeutico più sereno e più tranquillo.

Le sessioni di chemioterapia avvengono sotto lo stretto monitoraggio di un team di medici e infermieri specializzati, in grado di intervenire in caso di necessità.

Dal momento della sua attivazione, il servizio è già stato utilizzato da 2 pazienti con successo; la chemioterapia avviene somministrando per via sottocutanea cocktail specifici di farmaci e generalmente un trattamento richiede almeno 7 sedute al mese.


Redazione