Il “brexit” sta già cominciando a incidere sulle esportazioni delle Canarie

L’ultimo rapporto del governo regionale rivela che senza un accordo di libero scambio sulla libera circolazione di beni e servizi, il commercio tra l’Arcipelago e il Regno Unito sarà “fortemente influenzato” a causa del “brexit”.

La Commissione europea ha ricordato ieri che l’accordo di uscita negoziato con il Regno Unito è “il migliore e unico possibile” e ha chiarito che tiene la porta chiusa per rinegoziarla.

Inoltre, ritiene che la discussione attualmente in corso nel Regno Unito su un eventuale secondo referendum sia un “dibattito interno” britannico a cui l’Unione europea (UE) non parteciperà.

Tutta questa incertezza sta mettendo in ansia non solo il resto dei paesi dell’UE, ma anche le Isole Canarie, che si trovano in una situazione di ignoranza su come il brexit possono influenzarle.

Infatti, i deputati nazionali di Ciudadanos (Cs) per le Isole Canarie, Melisa Rodríguez e Saúl Ramírez, e il deputato Fernando Maura hanno registrato una domanda alla Camera dei deputati in cui chiedono al governo di spiegare le conseguenze che la partenza del Regno Unito dall’Unione europea potrebbe avere per le Isole Canarie.

L’ultimo rapporto che il governo delle Canarie ha sui possibili impatti del brexit risale al 3 ottobre 2018, prima che il Parlamento britannico respingesse l’accordo di maggio.


Ora che tutto suggerisce che l’uscita del Regno Unito sarà drammatica, è più importante che mai conoscere l’impatto.

Qualche settimana fa, la Camera di Commercio ha riunito diverse aziende per discutere la questione e la maggior parte ha convenuto sul fatto che gli effetti non verranno tanto dal settore turistico quanto dalle esportazioni.

Secondo la relazione, il processo di deprezzamento della sterlina ha reso le esportazioni spagnole più costose, soprattutto in settori come le automobili, l’agroalimentare e i macchinari.

Per le Isole Canarie, le esportazioni agricole con il Regno Unito sono particolarmente importanti.

Le esportazioni di ortaggi, in particolare pomodori e cetrioli, hanno rappresentato nella prima metà del 2018 il 40% del totale delle esportazioni delle isole, un importo che, secondo la relazione dell’esecutivo regionale, si è ridotto del 15,5%.

Infatti, nella prima metà del 2018 le esportazioni di cetrioli sono diminuite del 35,3%, e del 5,7% quelle di pomodori.

Per tutte queste ragioni, un’uscita senza un accordo commerciale sulla libera circolazione di beni e servizi inciderebbe “negativamente” sugli scambi tra le Isole Canarie e il Regno Unito e il resto dell’economia delle Isole Canarie attraverso i suoi effetti indiretti.

Il turismo è un altro settore che può essere interessato da un’uscita improvvisa dal Regno Unito dall’UE.

Tuttavia, va detto che la riduzione dei turisti britannici verso le isole può derivare più dall’apertura di mercati come la Turchia, l’Egitto o la Tunisia che dal brexit.

La relazione del governo sottolinea altri aspetti in cui possono essere colpite anche le isole Canarie, ma ciò dipenderà da come sarà in definitiva l’uscita e da come viene lasciato il quadro giuridico, come, ad esempio, gli studenti e i canari che vivono nel Regno Unito, nonché i cittadini britannici che vivono nelle isole e il loro accesso alla salute pubblica.

Gli inglesi, DOPO GLI ITALIANI, sono quelli che comprano più case nelle isole e sarà anche necessario vedere cosa succederà con gli investimenti britannici nell’arcipelago, che fanno sì che il Regno Unito sia il terzo paese dell’UE con il maggior numero di investimenti diretti nell’arcipelago.

Nel 2018 questo investimento, secondo il governo, è stato notevolmente ridotto.

Ugo Marchiotto