Intervista al Presidente dell’A.P.I.C.E. (Associazione dei Pensionati Italiani e Connazionali all’Estero): Giuseppe Bucceri

Giuseppe Bucceri

Già trovare l’onestà in un uomo è cosa non frequente, se poi aggiungiamo che questa persona sente profondo interesse per l’aiuto al prossimo, nutre un forte amore per la natura, è corretto nei rapporti umani, la sua dedizione al lavoro è totale, mostra tenacia e volontà nelle iniziative in cui crede, è un trascinatore per il suo carisma e si ribella con tutte le sue forze davanti alle ingiustizie, allora stiamo parlando di un personaggio sicuramente raro per il quale è stimolante conoscere il suo percorso di vita da quando ragazzo, cresciuto in un ambiente difficile nell’entroterra di quella Sicilia ancorata a vecchi schemi di una società stagnante, priva di stimoli, con poche risorse, decise di intraprendere la vita militare nell’Arma dei Carabinieri.

Successivamente, lasciata l’Arma, intraprese l’esperienza della vita politica
Così è iniziata l’intervista a Giuseppe Bucceri, presidente dell’A.P.I.C.E..
Domanda – Perché hai intrapreso la carriera politica?
Risposta – La mia esperienza in politica è stata molto breve. Avevo un sogno, ma la realtà del mondo politico mi ha presentato una dinamica di comportamento che non sono riuscito ad intuire o magari ho fatto finta di non capire. Quale risultato? Ho preferito abbandonare il sogno.
Domanda – Parlami della decisione di lasciare l’Italia.
Risposta – Ho lasciato l’Italia per trovare una sistemazione tranquilla, lontana dagli stress di una grande città come Roma, dove ho vissuto per oltre 35 anni, ma soprattutto un paese dove regnasse il caldo. Non volendomi allontanare molto dall’Italia, ho scelto Gran Canaria. La scelta della nuova destinazione era anche appoggiata dal fatto non indifferente che, da errate informazioni, avrei ottenuto la pensione defiscalizzata e quindi, oltre al clima, avrei avuto un interessante vantaggio economico. Purtroppo, invece, per la defiscalizzazione non è andata bene, tanto è vero  che dopo aver preparato tutta la documentazione ed averla trasmessa all’INPS, mi sono visto respingere la richiesta a causa dell’art. 19 del trattato Italia-Spagna.  Amareggiato, iniziai così la mia battaglia contro quella che ritengo un’ingiustizia evidente. La forte reazione mi ha portato a fondare un’associazione che ho chiamato A.P.I.C.E. (Associazione dei Pensionati Italiani e Connazionali all’Estero) nella quale ho raccolto pensionati e non per i quali cerco di essere d’aiuto. Con questa struttura io e gli altri interessati abbiamo avviato un ricorso, appoggiandoci ad uno studio legale romano. Ho sentito anche la necessità di fare un’associazione dopo aver udito molte lamentele per truffe subite da persone alle quali venivano sottratte somme ingenti di danaro per un documento il cui costo è molto inferiore. Questa circostanza e altri motivi mi hanno spinto a fare qualcosa di utile per i connazionali.
Domanda – Parlaci in modo più preciso dell’associazione A.P.I.C.E..
Risposta – L’associazione non ha scopo di lucro. Il suo fine è aiutare i connazionali che desiderano trasferirsi all’estero, aiutandoli ad ottenere tutti i certificati necessari, dare assistenza fiscale, legale, sanitaria, a volte intervenendo con mezzi economici, organizzare eventi socio-culturali anche per generare un gruppo consistente di associati. L’unione fa la forza! 
Le altre finalità dell’Associazione sono quelle di condurre delle battaglie come:
  1. 1.la defiscalizzazione della pensione per gli Ex-Inpdap;
  2. 2.il Certificato Esistenza in Vita;
  3. 3.proporre il rilascio del NIE plastificato e con la foto;
  4. 4.combattere tutti coloro che continuano a truffare i nostri connazionali;
  5. 5.rappresentare gli italiani nelle varie fasi della loro vita nell’arcipelago canario e altro ancora.
Dopo 2 anni di intenso lavoro e avendo l’apprezzamento da parte delle rappresentanze governative presenti in Spagna Com.It.Es., nonché una stretta collaborazione col Consolato di Gran Canaria, abbiamo aumentato la nostra forza. Nel giugno 2017 il Com.It.Es. di Madrid mi ha assegnato il PREMIO ALL’ITALIANITÀ. L’Associazione A.P.I.C.E. è autorizzata e registrata presso il Ministero degli Interni Spagnolo. Nel novembre 2017 a Gran Canaria e a Gennaio 2018 a Tenerife si è tenuto il Primo Convegno APICE. Nasce così anche una fattiva collaborazione con il Console Onorario di Las Palmas (Dr. José Carlos de Blasio) e con il CGIE, tramite  il Consigliere Dr. Giuseppe Stabile.
Domanda – Qual è l’età media dell’italiano che trasloca alle Canarie e che pensione percepisce?
Risposta – Abbiamo fatto una ricerca statistica e il risultato indica che l’età media di chi si trasferisce in una di queste isole oscilla tra i 58 e i 60 anni. Mediamente, la pensione che viene ricevuta si aggira intorno ai 1.500/1.600 euro mensili.
Domanda – Hai potuto notare se questo fenomeno migratorio è in ascesa?
Risposta – I pensionati che vivono nell’isola stanno aumentando anche a causa delle continue pubblicità poco veritiere. Non è vero che con 800 euro si vive bene. Parlo, naturalmente, della zona sud dell’isola dove, a causa del clima più favorevole, l’affluenza è maggiore ed i prezzi sono sensibilmente lievitati in pochi anni. A coloro che mi contattano raccomando,  prima di trasferirsi, che facciano un giro esplorativo e che diffidino di chi promette case ed altro a poco prezzo.
Domanda – Il fenomeno di questa migrazione è un evento solo italiano?
Risposta – No! Il trasferimento dal proprio Paese alle isole Canarie è un fenomeno che riguarda un po’ tutti i Paesi europei, soprattutto quelli del Nord Europa. Mediamente le loro pensioni sono più alte delle nostre e per loro la vita è più facile.
Domanda – Andiamo ora sul sentimentale. Hai avuto momenti di nostalgia?
Risposta – Certo! L’Italia è il mio Paese e le mie radici sono là. L’avrò sempre nel mio cuore per tanti motivi: la sua storia, la gente, le sue contraddizioni, i suoi monumenti, il cibo e tanto altro. Sinceramente avrei voluto portarmi molte cose dalla mia Sicilia, ma non è stato possibile.
Domanda – Un’ultima cosa: cosa dire ai tuoi connazionali che vogliono trasferirsi alle Canarie?
Risposta – Il mio messaggio ai pensionati è quello di contattarci e di seguire la nostra Associazione. Vorrei anche che l’italiano, che viene a vivere qui, mantenga un contegno decoroso in un Paese che ci ospita e che è simile a noi. Nelle Canarie, negli ultimi anni sono accaduti molti episodi che hanno portato a farci classificare persone poco affidabili, addirittura con notizie apparse sulle pagine Facebook o con scritte sui muri, dove invitavano la popolazione italiana ad andare via. Queste notizie fanno male e per colpa di qualcuno siamo stati etichettati tutti. Facciamoli ricredere!
Contatti con la sede di Gran Canaria
Centro Commerciale Ronda – Locale 56° – San Fernando
Telefono: +34 928 307 586  –  Portatile: +34 690 108 704
Stefano Dottori