Torna l’ora legale domenica 31 marzo 2019

Torna l’ora legale e potrebbe essere una delle ultime volte, sì perché la Commissione Europea ha deciso che entro il 2021 ogni stato membro dovrà decidere se eliminarla per sempre oppure no.

Per il momento ci sarà un’ora di luce in più. Con la primavera alle porte, il cambio dell’ora scatterà nella notte tra sabato 30 e domenica 31 marzo 2019. Alle 2 di notte di domenica 31 marzo le lancette andranno spostate avanti di 60 minuti.

Dormiremo un’ora in meno, ma avremo un’ora di luce in più e le giornate saranno decisamente più lunghe.

Il cambio dell’ora da solare a legale è stato introdotto per risparmiare energia durante la prima e seconda Guerra mondiale, riducendo il consumo di elettricità. La misura è poi stata adottata definitivamente in Italia nel 1966.

Non ci sono però solo vantaggi ad avere giornate con più luce. Secondo gli scienziati, il ritorno dell’ora legale può influire sull’organismo delle persone, provocando disturbi del sonno, difficoltà di concentrazione e stress, comunque difficoltà ad adattarsi. Ma anche l’umore può risentirne. In ogni caso, in pochi giorni la situazione sarà sicuramente regolarizzata e si potrà godere appieno degli indubbi vantaggi dell’orario estivo.

Tra due anni potrà non esserci più il cambio d’ora


Chi nel 2021 deciderà di rimanere all’ora solare o legale, poi non potrà tornare più indietro.

La posizione della commissione Trasporti dovrà ora essere approvata dall’Aula, e in quel caso il Parlamento avrà ufficialmente la sua posizione sul dossier, e con questa potrà avviare i negoziati con il Consiglio, dove l’idea di porre fine al doppio regime orario dal 2021 non sembra essere particolarmente osteggiata.