Le società aerospaziali atterrano alle Canarie

Società come Airbus e Babcock lavoreranno nelle Isole a progetti di innovazione e sviluppo in campo aerospaziale

Il direttore dell’Agenzia Canaria di Ricerca e Sviluppo, Miranda, ha comunicato alla stampa i dettagli di questo progetto, a margine della riunione tra il presidente del Governo delle Canarie Fernando Clavijo e i delegati delle tre società di tecnologia spaziale Babcock España, Airbus e Tales Alenia Space.

Miranda ha poi precisato che queste tre società hanno manifestato interesse per lavorare alle Canarie, ma che prima va indetto un concorso che coinvolga anche altre aziende dello stesso calibro che sono interessate al lavorare nelle Isole.

L’arrivo di queste aziende alle Canarie rappresenta per il Governo non tanto un’occasione di business quanto la possibilità di creare un polo d’innovazione che attiri diverse professionalità e crei progetti di ricerca e sviluppo di tecnologie aerospaziali.

Il progetto del Governo, denominato “Canarias innovation program 2030” prevede di dare impulso al Parco Tecnologico di Fuerteventura verso il quale, negli ultimi due anni, il Governo ha cercato di attirare imprese del settore aerospaziale.

L’amministrazione canaria dovrà apportare finanziamenti e infrastrutture, benefici fiscali e programmi di occupazione ovvero dovrà elaborare un insieme di misure che rendano le Canarie attrattive.


Secondo Miranda in sei mesi le aziende potranno iniziare le attività di ricerca e sviluppo.

Quali siano i nomi delle imprese interessate oltre a Babcock España, Airbus e Tales Alenia Space, Miranda non lo ha voluto rivelare, ma ha fatto sapere che nel settore rivestono pari importanza delle altre.

Sarebbero aziende interessate a sviluppare la tecnologia 5 G e imprese che lavorano sui satelliti che il Governo cercherà di far stabilire in maniera permanente in modo che le Isole diventino un polo di innovazione nel settore aerospaziale.

L’obiettivo del Governo è che queste aziende assemblino le componenti alle Canarie e qui facciano programmazione e sviluppo richiamando ingegneri, informatici e professionisti.

Miranda ha ricordato che recentemente il Governo Canario si è recato in Olanda all’Agenzia Spaziale Europea ad esporre il suo progetto per il quale poi BobCock e Airbus si sono interessati all’Arcipelago e i rispettivi dirigenti hanno incontrato Clavijo.

Il Presidente, da parte sua, ha ribadito l’interesse che il Governo ha nel portare avanti lo sviluppo delle tecnologie aerospaziali e il direttore generale ha fatto sapere che, subito dopo il primo concorso internazionale, le aziende saranno messe in condizione di iniziare le attività entro sei mesi.