La Settimana Santa a Gran Canaria

Tra tutti i periodi dell’anno, la Settimana Santa è per i cristiani uno dei momenti più importanti.

La Chiesa commemora la passione, morte e resurrezione di Cristo e attraverso questa celebrazione santifica e rinnova se stessa.

Nel periodo della Settimana Santa, la Chiesa segue le orme del suo Maestro e la narrazione della Passione, gli ultimi giorni di Cristo sulla terra, prende nuova vita, come se tutto avvenisse davanti ai nostri occhi.

Durante la liturgia della Settimana Santa vengono ricordati l’arresto, il processo e la condanna a morte di Gesù.

Questi momenti, chiamati in precedenza la “Settimana Grande” nel messale romano, sono entrati a far parte della liturgia fin dai primi secoli del cristianesimo e da allora Gerusalemme è sempre stata meta di pellegrinaggi.

Ieri come oggi, i fedeli si recano in visita nei luoghi sacri della Terra Santa fino al Santo Sepolcro.


Ogni anno attraverso i riti della Pasqua si ripercorrono gli ultimi momenti della vita di Cristo e i cristiani celebrano un pellegrinaggio spirituale nei luoghi della Passione attraverso la via Crucis, le processioni e la Messa solenne del giorno della Resurrezione.

A Gran Canaria il calendario è fitto di eventi e ogni località rivive la Passione secondo gli usi locali.

A Las Palmas, la Settimana Santa venne celebrata per la prima volta nel 1478, subito dopo la conquista e l’evangelizzazione dell’isola e, in seguito, trovò maggiore diffusione con l’arrivo dei Francescani che erano ferventi cultori della Passione di Cristo.

La processione più solenne è quella con l’immagine di Nuestra Señora de la Soledad de la Porteria Coronada.

Un’icona, risalente al XVII che gode di particolare devozione nell’isola e che attira numerosissimi fedeli durante la processione della notte del Venerdì Santo.

Altrettanto amata e popolare è la processione detta “del Arte e de la Mantillas” così chiamata perché è accompagnata da due immagini create dallo scultore Josè Lujan Perez e dalle donne vestite con la mantellina tipica canaria.

A Las Palmas nel barrio di Vegueta e Triana, la Domenica delle Palme, il 14 aprile a partire dalle 11 si terrà la processione per commemorare l’ingresso di Cristo a Gerusalemme.

Nei giorni successivi, a partire da mercoledì 17 aprile alle 7 della sera, dalla Parrocchia di San Bernardo e San Telmo si terrà la processione della Confraternita di Nuestra Señora de Los Dolores e un’ora più tardi quella della Confraternita del Santo Encuentro fino a Plaza Santa Ana.

Venerdì 18 aprile alle 11 del mattino dalla Basilica delle Canarie partirà la processione del “Santissimo Cristo de La Sala Capitular e di Nuestra Señora de Los Dolores” e nel pomeriggio alle 18 e 30 dalla Parrocchia di Santo Domingo si terrà la Processione Solenne interparrocchiale.

La sera alle 19 dalla Chiesa di San Francesco di Assisi, le tre parrocchie formeranno un solo corteo che attraverserà le vie di Triana e Vegueta.

Alle 22 ci saranno invece le processioni del ritiro e del silenzio.

A Telde, una delle città più turistiche della provincia di Las Palmas, la Settimana Santa inizia con la tradizionale processione “de la borriquita” e il Venerdì Santo avrà luogo quella solenne della Sepoltura.

Sebbene i cambiamenti della società abbiano portato ad una perdita di interesse per la Settimana Santa, i riti dei giorni antecedenti la Pasqua stanno recuperando importanza, grazie all’impegno di un gruppo di appassionati che uniti in confraternite portano avanti una tradizione millenaria.

Claudia Di Tomassi