Il parco divertimenti Mimiland Park Tenerife farà diventare Güímar “il motore del sud di Tenerife”. Una mega iniziativa che ha un budget di 30 milioni di euro, che daranno forma a un parco a tema di circa 60.000 metri quadrati, che oltretutto recupererà un terreno di 20 ettari selvaggiamente scavato per la estrazione illegale di inerti, che si è riusciti poi a fermare, e che prevede la costruzione della torre panoramica più alta d’Europa, con un totale di 80 metri, e una ruota panoramica alta 64 metri. Nascerà anche un albergo a cinque stelle.

Mimiland Park Tenerife vuole realizzare sulle isole l’idea vincente di altri parchi di divertimento come Disneyland Paris in Francia. Le mascotte tipiche di queste strutture ma con un tocco “assolutamente canario”, per il divertimento di grandi e piccini, ma non solo abitanti di Tenerife, ma anche come nuova attrazione che possa formare un pacchetto vacanza in combinazione con altri servizi, quali il Loro Parque o il Siam Park di Adeje. La flora delle Canarie abbinata con l’elemento principale del resort: l’acqua. 25 attrazioni ripartite nei 220.000 metri quadri di terreno, di proprietà di un privato che vive ad Arona, anche se è possibile che nel corso della costruzione il numero di impianti aumenti. Il parco a tema sarà costruito nella parte alta del paese, sopra l’autostrada del Sud, ma c’è un progetto di espansione nella zona bassa di Güímar, per costruire una spiaggia artificiale con punti di ristoro, sulla linea di quanto visto attualmente in città costiere come Marbella.

Mimiland creerà più di 600 posti di lavoro diretti e 1.200 posti di lavoro indiretti, riducendo il tasso di disoccupazione nel comune di Güímar, dove, attualmente, 3.000 cittadini sono disoccupati.L’iniziativa sarà positiva per il comune perché ne aumenterà l’attrattiva, ed è già stato raggiunto un accordo con il Comune per cui tutti i dipendenti assunti siano di Güímar.  Il Gruppo Hemi, che da 16 anni si occupa a Tenerife di alberghi e tempo libero, tra cui l’hotel Bahia del Duque, il Loro Parque o gli hotel della catena Europa, è stato incaricato di presentare questo progetto che presenta vantaggi turistico-ambientali. Mai prima era stato progettato in questa zona di Tenerife un parco con queste caratteristiche, un’idea innovativa che permetterà di dare una nuova vita a un’orrenda cava. Il progetto era destinato, in origine, a un altro appezzamento della borgata, ma Ricardo Melchior, presidente del Cabildo di Tenerife al momento in cui ha cominciato a svilupparsi l’idea, oltre un anno e mezzo fa, propose che il parco fosse costruito in una zona di estrazione di aggregati, per rigenerarla e farne un nuovo uso, non essendo più adatta alla coltivazione. Il parco divertimenti è appoggiato finanziariamente da un fondo di investimento di Orlando, in Florida, mentre pare si lamenti la mancanza di sostegno da parte delle istituzioni pubbliche. La fase iniziale della costruzione del parco è stata già approvata dal consiglio comunale, ma il Gruppo Hemi è in attesa della modifica del Piano di Gestione Insular de Tenerife (PIOT), indispensabile per il cambio di destinazione d’uso, uno dei molti ostacoli burocratici sorti con l’attuazione di questo progetto, sia da parte dell’amministrazione insulare come dal Governo delle Canarie. Il gruppo di investitori si è dato un periodo di sette mesi per potere iniziare con lo sviluppo di questa idea, altrimenti questo importante investimento nel comune di Güímar sarà cancellato, perché i ritardi fanno perdere un sacco di soldi.

(NdR. arriva però una dichiarazione di Ricardo Fernandez de la Puente, Vice Ministro del Turismo delle Isole Canarie, che vede però molto presuntuoso il progetto. “Non tornano i numeri”, dice, visto che 30.000.000 di euro sono decisamente pochi per costruire un parco a tema e un albergo a cinque stelle-lusso che producono “quasi 2.000 posti di lavoro”.)