In giro a Musei per Fuerteventura

El Centro de Arte Juan Ismael

Nell’isola di Fuerteventura si può anche andare a visitare musei, miradores e luoghi di particolare interesse culturale, ma anche una vasta rete di Centri Culturali cittadini, il più importante dei quali è  a Puerto del Rosario: El Centro de Arte Juan Ismael.

La Rete dei Musei di Fuerteventura ha sperimentato negli ultimi cinque anni un notevole miglioramento sia nelle strutture e nei contenuti e nelle attività dei musei, sia nel numero di visitatori.

Uno dei musei più caratteristici a Fuerteventura è il Museo de la Sal, a 5 minuti da Caleta de Fuste, dove si può vedere come si svolge la raccolta e la lavorazione del sale dal vivo e la sua importanza che ha avuto nel passato, ma ovviamente ancora oggi.

Ecomuseo La Alcogida

Situato a Tefía, il museo ci mostra le attività agricole e zootecniche del secolo scorso e i diversi mestieri antichi di Fuerteventura.

Mirador Morro Velosa


Sulle montagne della cittadina di Betancuria, troviamo questo belvedere che si affaccia su gran parte dell’isola, sia a nord che ad est.

Museo della pesca tradizionale

Nel faro di El Cotillo troviamo un museo degli usi e costumi sulla pesca nell’isola di Fuerteventura.

Museo del Mulino

Questo Centro di Interpretazione è il luogo ideale per studiare e comprendere meglio l’importanza dei mulini a vento nel XIX secolo.

Museo della Casa del Dottor Mena

Nella città di La Ampuyenta, troviamo una casa museo di un medico majorero caratterizzato dal suo altruismo e generosità, diventato molto famoso.

Mulino di Antigua

Il Centro Culturale Molino de Antigua offre spazi per diverse attività culturali, caffetteria e negozio di souvenir, oltre a un superbo giardino.

La Atalayita

Accanto alla città costiera di Pozo Negro, sulla costa orientale, il vecchio insediamento, in buone condizioni, ci aiuta a capire come viveva il “Mahos” (i primi abitanti dell’isola) nell’antichità.

Casa Museo Unamuno

Nel cuore di Puerto del Rosario, proprio accanto alla chiesa di Nostra Signora del Rosario, si trova questo museo nell’edificio che ospitò lo scrittore Miguel de Unamuno, in esilio nel 1924, una delle voci più eminenti della Spagna sottomessa alla dittatura.

Unamuno “approfitta” dell’esilio per conoscere da vicino l’isola ed i suoi abitanti: i residenti lo ammiravano, tanto da tenere con lui una “tertulia” (discussioni letterarie”) quotidiana.

Grotta di El Llano

Vecchio tubo vulcanico nel nord dell’isola, che può essere visitato.

Meglio di tutti, la mostra sulla formazione dell’isola di Fuerteventura 70 milioni di anni fa.

Museo Archeologico

Situato nel paese di Betancuria, questo museo archeologico ci mostra le vestigia e gli stili di vita degli antichi coloni di Fuerteventura.

Centro di interpretazione di Jandia Park

Nel faro di Jandia, all’estremità meridionale dell’isola, troviamo una mostra esplicativa della flora e della fauna di questo parco naturale.

Bina Bianchini