L’Ecomuseo Alcogida a Tefía

Ecomuseo Alcogida a Tefía

Una bella idea per una gita divertente e culturale può essere la visita a questo villaggio, formato da sette abitazioni principali: l’ecomuseo di Tefía, è un esempio dell’habitat tradizionale di Fuerteventura.

L’ecomuseo ricrea la tradizionale vita rurale con attività artigianali, bovine e agricole svolte in loco, dando la possibilità di acquistare alcuni prodotti tipici come il gofio del paese, pane fatto artigianalmente, elementi di porcellana, ceramica, tessili, ceste etc etc.

L’Ecomuseo Alcogida si trova nella località di Tefía, nel comune di Puerto del Rosario. Si tratta della ricostruzione di un villaggio rurale tradizionale.

E’ diventato un punto di riferimento di Fuerteventura.

Un’alcogida è una zona il cui obiettivo è quello di raccogliere l’acqua piovana che viene convogliata verso le cisterne, e nella maggior parte dei casi è stata pavimentata.

Il villaggio di La Alcogida è costituito da un gruppo di sette abitazioni rappresentative dell’architettura domestica tradizionale di Fuerteventura.


Il restauro rispetta fedelmente le condizioni e i materiali di maggiore utilizzo dell’epoca.

In generale, le case hanno due piani, combinando tetti piani o inclinati rifiniti con tegole arabe.

Il visitatore potrà attraversare le diverse tipologie architettoniche.

Dalle costruzioni più complesse delle famiglie più ricche a edifici modesti che ricordano l’umile passato dei contadini majoreros.

Le case sono state abitate fino agli anni settanta del secolo scorso, e sono state restaurate dal Cabildo dal 1992.

Oggi ospitano uno spazio museale in cui è possibile conoscere i valori etnografici della grande cultura dell’isola.

Ognuna delle case conserva i nomi dei suoi ex proprietari.

In questo modo, troviamo la casa del Senor Jacinto, quella di seña Herminia, quella di Don Teodosio Ramos, Los Herrera e Los Cabrera, famiglie che, in alcuni casi, hanno vissuto nella zona fino agli anni settanta.

Le diverse stanze si affacciano attorno ad un patio/cortile.

Il piano superiore delle case si raggiunge attraverso una scala esterna collegata alle travi di legno o alla muratura portante della casa, che generalmente si conclude con un piccolo balcone coperto e, in alcuni casi, con un ballatoio in legno che corre lungo il piano superiore.

Nell’ecomuseo La Alcogida ci sono anche attività ricreative e tradizionali dell’agricoltura, del bestiame e dell’artigianato dell’isola.

L’Alcogida ha un piccolo negozio, parcheggio ed è molto vicino al frantoio e mulino di Tefía.

Orario di apertura: da martedì a sabato dalle 10.00 alle 18.00.

Bina Bianchini