Le Canarie meta preferita per pernottamenti in appartamento

Con oltre 2,5 milioni di pernottamenti in appartamento, le Canarie sono risultate la meta preferita in Europa per le vacanze con questa formula ricettiva, seppur con un calo del 6,2% rispetto ad analogo periodo del 2018.

In particolare le località con il maggior numero di pernottamenti nel mese di marzo sono state San Bartolomeo de Tirajana, Arona e Mogán e in tutto l’Arcipelago l’occupazione degli appartamenti in offerta ha raggiunto l’83%, stando ai dati provvisori rilasciati dall’INE.

Gran Canaria è la destinazione al top della lista, con 890.767 pernottamenti, mentre è Lanzarote a raggiungere la più elevata occupazione, con 89,9% di appartamenti occupati.

A livello nazionale i pernottamenti in strutture ricettive in Spagna extra-alberghiere, come appartamenti, campeggi e turismo rurale, hanno raggiunto 6,8 milioni in marzo 2019, con un calo del 12,6% rispetto a marzo 2018.

Il calo si deve alla diminuzione del 29,8% dei pernottamenti dei residenti e del 2,7% di quelli degli stranieri, mentre la permanenza media si è attestata a 4,6 notti per viaggiatore.

Sempre nel mese di marzo, 785.099 viaggiatori residenti in Spagna hanno usufruito di 1,98 milioni di pernottamenti in alloggi non alberghieri, che si sommano ai 4,1 milioni di pernottamenti usufruiti da viaggiatori provenienti dal resto dell’Europa e ai 712.589 pernottamenti dei 124.162 viaggiatori provenienti dal resto del mondo.


Durante il primo trimestre dell’anno, i pernottamenti in strutture ricettive non alberghiere sono diminuite del 6,9% rispetto ad analogo periodo del 2018.

L’indice dei prezzi degli appartamenti turistici (IPAP) è aumentato dello 0,6% rispetto all’anno precedente.

Dei non residenti che hanno usufruito di pernottamenti in appartamento, quelli provenienti dal Regno Unito rappresentano il mercato più ampio, con oltre 1,1 milioni di pernottamenti (+1,7% rispetto allo scorso anno), seguiti da quelli tedeschi con 509.974 pernottamenti, (-8,6%).

Anche il turismo rurale è al ribasso, con una diminuzione dei pernottamenti dei residenti in Spagna pari al 27,6% e dei non residenti del 15,4%.

L’indice dei prezzi degli alloggi rurali è aumentato dello 0,3%, il grado di occupazione dei posti offerti ha raggiunto il 12,7% con una diminuzione del 24,9% rispetto a marzo 2018, mentre quella dei fine settimana si è situata al 26,5%, con un calo annuale del 13%.

Per comunità autonome, Castilla y León ha confermato di essere la meta preferita, a dispetto del 33% in meno dei pernottamenti, ma sono le Canarie ad aver raggiunto il più elevato livello di occupazione, con il 36,7% dei posti offerti.

Per zone turistiche l’isola di Maiorca è stata la destinazione preferita, con 45.072 pernottamenti ma è il Parque Natural de Corona Forestal a raggiungere la più elevata occupazione, con il 43,5% dei posti offerti.

In calo i campeggi con -21,7% di pernottamenti a marzo 2019, rispetto a marzo 2018, con diminuzione del 43,5% dei residenti spagnoli e dello 0,7% dei non residenti.

I prezzi dei campeggi sono diminuiti dello 0,7%, il 36% dei posti a disposizione è stato occupato (-5,7% rispetto al mese scorso), mentre il tasso di occupazione per fine settimana ha raggiunto il 37,6% con calo annuo del 5%.

Il 64,7% dei pernottamenti nei campeggi è stato effettuato da viaggiatori non residenti, con il Regno Unito come primo mercato di emissione, con il 32,8% del numero totale di pernottamenti di stranieri (-2% rispetto a marzo 2018).

Al top delle preferenze si è situata la Comunità Valenciana con 650.285 pernottamenti (comunque in calo del 10,6%) e con il 66,6% dell’occupazione.

Costa Blanca è la meta preferita dai campeggiatori, con 322.734 pernottamenti e un’occupazione pari al 79,2% dei posteggi offerti e le località turistiche con il maggior numero di pernottamenti sono Benidorm, Cartagena e Cabanes.

A calare anche gli ostelli, con il 6,1% in meno a marzo, del 14,8% per i residenti, ma con aumento degli stranieri del 16,5%.

L’occupazione dei posti è stato pari al 28,3%, il 3,9% in meno rispetto a marzo 2018, e il tasso di occupazione del weekend ha raggiunto il 32,1% ovvero il 9,3% in meno.

La Catalogna è risultata la comunità preferita, con 71.067 pernottamenti, il 5,3% in più rispetto a marzo 2018, mentre la comunità di Madrid è stata quella con il tasso di occupazione più alto, con il 63,9% dei posti offerti.

Ilaria Vitali