Gran Canaria importerà ostriche congelate dalla Corea

È stato di recente sottoscritto un accordo tra Gran Canaria e la città coreana di Tongyeong per l’importazione di ostriche congelate nell’Arcipelago.

Una delegazione composta da diversi uomini d’affari e dal sindaco della città coreana Seokju Kang è arrivata a Gran Canaria ai primi di maggio, presso l’hotel Lopesan Costa Meloneras, dove ha incontrato il rappresentante della società Daione José Celso, con cui ha formalizzato un contratto di due milioni di euro per import export di ostriche congelate dalla Corea all’isola.

Celso, durante un’intervista, ha affermato che non solo il contratto milionario rappresenta un autentico record storico, ma che l’intenzione di Daione è quella di espandere l’importazione dalla Corea con altri prodotti come alghe o pasta di pesce.

Dopo la firma del contratto, la delegazione coreana ha fatto visita al Cementerio de San Lázaro de Las Palmas, dove si trova il monumento ai marinai coreani caduti in guerra, e al presidente del Cabildo Antonio Morales, con cui ha affrontato, tra le varie questioni, anche quella relativa al gemellaggio tra Gran Canaria e la città di Tongyeong.

La città coreana, che è nota come la Napoli orientale e per il suo bellissimo paesaggio costiero, si trova a 329 km da Seoul, verso sud, e ha una popolazione di 140.000 persone per lo più dedita al settore agricolo e ittico.


Il console della Repubblica della Corea a Las Palmas di Gran Canaria, Taeyeol Kwak, ha sottolineato l’importanza dei rapporti commerciali legati alle ostriche tra l’isola dell’Arcipelago e Tongyeong, precisando che questi sono i risultati del progetto coreano di promozione dei frutti di mare, K-Fish, portato a termine nel corso degli ultimi 3 anni dal Ministero degli Affari Marittimi e della Pesca della Corea.

Redazione