Il nuovo Calendario vaccini delle Isole Canarie include il meningococco sierogruppo B

L’ordine di modifica del calendario delle vaccinazioni entrerà in vigore tra due mesi dalla sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale delle Isole Canarie.

La vaccinazione inizierà contro la malattia del meningococco dal sierogruppo B per tutti i bambini nati dal 1 luglio 2019.

Sono coperti tutti i sierogruppi che producono il 95% della meningite batterica e garantiscono l’equità nell’accesso ai vaccini.

Anche l’offerta contro il Papilloma Virus Umano è migliorata con l’inclusione di un vaccino che include 9 genotipi oncogeni dell’HPV.

Il Ministero della Salute del Governo delle Isole Canarie informa della pubblicazione nel Bollettino Ufficiale delle Isole Canarie n. 126 dell’ordinanza del 28 giugno 2019, che approva il calendario delle vaccinazioni per tutte le età della vita nella Comunità Autonoma delle Isole Canarie, che modifica i calendari per bambini e adulti finora in vigore.

Le malattie soggette all’applicazione sistematica dei vaccini sono quelle che la Direzione Generale della Sanità pubblica determina in funzione delle diverse circostanze epidemiologiche e delle risorse disponibili.


La comparsa di nuovi vaccini contro diverse malattie, insieme ad altri sempre più immunogenici e meno reattogeni, e la modifica del comportamento epidemiologico di alcune malattie contro le quali sono attualmente applicati vaccini, determinano la necessità di modificare l’attuale Calendario dei vaccini nella nostra Comunità Autonoma.

L’obiettivo fondamentale del nuovo calendario è garantire l’equità nell’accesso ai vaccini, nell’ambito di una strategia globale contro le malattie trasmissibili.

A tal fine, a seconda del carico di malattia, essa incorpora l’applicazione di nuovi vaccini all’offerta di vaccini già esistente nelle isole Canarie:

Nuovi vaccini

Il vaccino coniugato tetravalente contro il menigococco A, C, W, W, Y viene incorporato a 12 anni di età, sostituendo la dose di vaccino coniugato contro il meningococco C e giustificato dal significativo aumento che si sta osservando in Europa di alcune tipologie incluse in questo vaccino, che possono avere anche una maggiore virulenza.

Esso incorpora anche il vaccino contro la malattia meningococcica del sierogruppo B, che è ancora il più frequente nel nostro ambiente, con una forma, a volte silenziosa e imprevedibile e attacca soprattutto i bambini. 

Nonostante la sua bassa incidenza, il pericolo sta nell’alto tasso di mortalità e nelle gravi conseguenze fisiche subite da una percentuale significativa di sopravvissuti.

Inoltre, la malattia del meningococco dovuta al sierogruppo B provoca onde epidemiche, di solito a cicli lunghi, per cui in futuro potremmo subire una ripresa.

E’ inoltre necessario sottolineare le disuguaglianze che si stanno verificando tra la popolazione più svantaggiata e quella che dispone di maggiori risorse al momento dell’accesso a questo vaccino, disuguaglianza derivata dal prezzo di questo prodotto, che genera una situazione di disuguaglianza.

Infine, nel nuovo calendario vaccinale l’offerta contro il Papilloma Virus Umano è migliorata con l’inserimento del vaccino contro nove genotipi HPV, sostituendo i vaccini che venivano utilizzati, giustificato dall’aumento della protezione diretta che si otterrebbe contro un maggior numero di genotipi HPV ad alto e basso rischio. 

Allo stesso tempo, questo prodotto sarà offerto ai “HSH (Hombres que tienen Sexo con Hombres)” (uomini che hanno rapporti sessuali con gli uomini), a causa del loro maggiore rischio di infezione.

Bina Bianchini