La XVI edizione del Festival di Musica Visiva

Comprende un totale di quattro concerti e la proiezione di un documentario sul musicista Ryuichi Sakamoto.

La XVI edizione del Festival di Musica Visiva di Lanzarote si svolgerà dal 12 al 19 ottobre, una settimana in cui l’isola vulcanica sarà ancora una volta al centro dell’attenzione degli amanti della musica contemporanea, che avrà come sfondo alcuni degli spazi più singolari della geografia isolana.

Creato e organizzato dal Cabildo de Lanzarote dal 1989 su proposta dell’artista Ildefonso Aguilar, questo evento artistico integra proposte musicali d’avanguardia con diversi linguaggi artistici in completa armonia con gli spazi naturali dell’isola di Lanzarote, come gli auditorium di Jameos del Agua e della Cueva de los Verdes, dove si svolgeranno parte degli spettacoli.

Oltre a queste due sedi principali, sono stati incorporati nuovi spazi scenografici per lo sviluppo dei concerti, come il Volcán del Cuervo, la vecchia cava di cenere vulcanica estratta dalla Montaña de Tahíche o i Conventi di San Francisco e Santo Domingo a Teguise, così come la Chiesa di San Ginés o la Spiaggia di El Reducto ad Arrecife.

Per il Ministro della Cultura del Cabildo de Lanzarote, Alberto Aguiar Lasso, il Festival di Musica Visiva “è una grande opportunità per valorizzare il patrimonio paesaggistico di Lanzarote e contribuisce anche a consolidare la nostra isola come destinazione turistica differenziata”.

Dopo quindici anni di pausa, il Cabildo de Lanzarote ha ripreso il Festival nel 2017 con il duplice obiettivo di recuperare il prestigio acquisito nelle precedenti edizioni e fornire nuovi elementi che contribuiscano a promuovere l’isola come destinazione culturale.


Il direttore e fondatore del Festival, Ildefonso Aguilar, afferma che “il Festival fa di Lanzarote la cornice ideale per percepire e ricreare i suoni dei musicisti partecipanti ad ogni edizione, che condividono tra loro un fermo impegno nella ricerca di nuovi percorsi nella composizione musicale, evitando le formule convenzionali.

Questo Festival è un chiaro esempio della perfetta integrazione che esiste tra la musica contemporanea e il paesaggio vulcanico insulare, un’armonia che genera un nuovo spazio sonoro nello spettatore.

Tra i tanti artisti che sono passati attraverso il Festival de Música Visual ci sono grandi musicisti contemporanei del calibro di Michael Brook, Jóhann Jóhannsson, Jon Hassell e Brian Eno, che hanno detto che in nessun altro luogo sono così chiaramente visibili i processi di creazione, poiché l’isola stimola il comportamento artistico e un approccio fisico alla creazione pura.

Questo Festival è organizzato dall’Area di Cultura del Cabildo de Lanzarote e ha il patrocinio dei Centri d’Arte, Cultura e Turismo e la collaborazione di Turismo Lanzarote e del Comune di Teguise.

dalla Redazione