Gli imprenditori esprimono preoccupazione per l’uso residenziale delle strutture turistiche

La Federazione delle imprese alberghiere e turistiche di Las Palmas (FEHT) ha manifestato la sua preoccupazione al gruppo governativo di San Bartolomé de Tirajana sulla necessità di controllare ed evitare la proliferazione di nuove residenze nelle strutture turistiche.

La questione è stata analizzata nel corso di una riunione svoltasi negli uffici del Comune di San Bartolomé de Tirajana, alla quale hanno partecipato il sindaco, Concepción Narváez, il primo vice- sindaco, Samuel Henríquez, il secondo vice- sindaco e assessore all’Urbanistica, Alejandro Marichal e l’Assessore alla Sicurezza, Inés Rodríguez.

Gli imprenditori erano rappresentati dall’Associazione degli Imprenditori di Alloggi Turistici di Las Palmas (AEAT), appartenente alla Federazione degli Imprenditori di Hotel e Turismo di Las Palmas (FEHT), con i presidenti di entrambi, rispettivamente, Tom Smulders e José María Mañaricúa.

Erano presenti anche Fernando Estany e Dunia Santana, direttori dell’associazione del settore extra-alberghiero, insieme al segretario generale Fernando Mathías.

L’obiettivo principale di questa riunione era quello di chiarire la posizione della società a seguito delle presunte dichiarazioni rese ai media da alcuni dei suoi rappresentanti sulla compatibilità dell’uso residenziale delle strutture turistiche.

La posizione espressa dalla rappresentanza imprenditoriale di evitare la coesistenza di usi residenziali con il turismo al di fuori dei casi in cui la legge attualmente consente, in riferimento ai residenti esistenti prima del 1° gennaio 2017, è stata accolta molto favorevolmente dall’Ente.


Quest’ultima ha definito quale sarà l’approccio in vista della modifica del Piano Generale di Sviluppo del Comune, dove si cercherà di delineare e settorializzare entrambi gli usi.

Sulla stessa linea, gli imprenditori hanno espresso la loro preoccupazione riguardo alla necessità di controllare ed evitare il proliferare dell’uso residenziale delle strutture turistiche.

Inoltre, la Federazione ha ribadito che l’attività alloggiativa è la principale industria delle Isole Canarie, sebbene occupi una minima parte del territorio, in relazione al suo contributo al PIL delle Isole Canarie.

I consiglieri hanno presentato i principali obiettivi del nuovo mandato, come la realizzazione di servizi attualmente paralizzati, tra cui la creazione di chioschi sulla spiaggia, un piano di modernizzazione dei centri commerciali, l’attuazione di un piano di infrastrutture attraverso il Consorzio di riabilitazione.

Puntano anche a un piano di promozione turistica per la costa di Maspalomas, e, soprattutto, il recupero del piano di modernizzazione e miglioramento di Playa del Inglés, dopo l’annullamento di quello esistente.

Prima di questa riunione, Tom Smulders, presidente della Commissione Turismo e Sicurezza (FEHT), ha tenuto un incontro con il nuovo consigliere per la sicurezza Inés Rodriguez e il suo consigliere, Juan Campos, dove hanno affrontato, tra le altre questioni, i problemi di segnalazione delle strade della zona turistica, la necessaria regolamentazione degli scooter elettrici, gli orari di svago e la sicurezza sulle spiagge.