Quando i re si riposavano a Lanzarote

C’è stato un tempo in cui Juan Carlos I e Sofía preferivano La Mareta, un palazzo situato sulla costa di Teguise e progettato da César Manrique, al Marivent maiorchino come residenza di vacanza.

Quest’estate, la famiglia reale ha scelto ancora una volta il Palazzo di Marivent di Maiorca per la tradizionale pausa estiva.

La monarchia spagnola negli ultimi 15 anni ha quasi sempre scelto Marivent per le sue vacanze estive, ma c’è stato un tempo in cui le Isole Canarie erano il luogo di riposo e di svago per Juan Carlos I, la regina Sofía, e più tardi per Felipe VI e Letizia.

La Residenza Reale di La Mareta, situata nel comune di Teguise, a Lanzarote, è stata donata dal re Hussein di Giordania a Juan Carlos I di Borbone nel 1989.

La villa, progettata negli anni ’70 dall’artista César Manrique e dall’architetto madrileno Fernando Higueras, dispone di due piscine, un eliporto, campi sportivi, un giardino con lago e accesso diretto al mare.


La Mareta deve il suo nome alla cisterna del luogo di costruzione, una struttura che serviva a raccogliere l’acqua piovana, che in seguito fu utilizzata dalla gente del posto come fontana e abbeveratoio per gli animali domestici.

Il pezzo era un reperto storico dell’epoca aborigena e fu distrutto con il passare del tempo.

Le prime visite della monarchia spagnola a La Mareta iniziarono nel 1993, quando il palazzo divenne il luogo per brevi viaggi estivi e, soprattutto, per le celebrazioni di fine anno.

Juan Carlos decise di riunire l’intera famiglia reale a La Mareta per celebrare il fine anno del 1999.

Il monarca stesso, la regina Sofía, María de las Mercedes (madre di Juan Carlos I), il principe Felipe, l’Infanta Elena e Jaime de Marichalar, Froilán, Infanta Cristina e Urdangarin si trasferirono a Lanzarote.

Purtroppo, il 2 gennaio 2000 la madre di Juan Carlos I, Doña María de las Mercedes de Borbón y Orleans, morì a La Mareta all’età di 89 anni.

María de Las Mercedes, che aveva posato davanti ai fotografi giorni prima, era apparentemente in buona salute, nonostante l’uso di una sedia a rotelle dopo le due fratture, anca e femore, che aveva subito in diverse cadute diversi anni prima.

Dopo il triste evento, Juan Carlos I e la regina Sofía non hanno più trascorso le vacanze a La Mareta.

L’ultima visita reale risale alla fine del 2005, quando Felipe e Letizia, all’epoca principe e principessa delle Asturie, scelsero il palazzo per realizzare un servizio fotografico estivo con l’Infanta Leonor, che all’epoca aveva due mesi e che compariva per la seconda volta davanti ai giornalisti.

Amante degli sport acquatici e rinomato velista, Filippo VI aveva scelto La Mareta proprio per il suo accesso diretto al mare.

Il re è un fan della vela di Lanzarote e aveva uno stretto legame con gli sportivi delle Canarie, come con il velista olimpico Luis Doreste.

Oltre allo sport, il re è appassionato di astronomia.

Felipe ha manifestato in diverse occasioni la sua ammirazione per il cielo stellato delle Canarie e ha fatto varie visite all’Instituto de Astrofísica de Canarias (IAC) e al Gran Telescopio de Canarias (Gran Telescopio de Canarias) situato a La Palma.

Il Palazzo di La Mareta fa parte del Patrimonio Nazionale dal 1989.

Tuttavia, nel 2015 Felipe VI l’ha ceduto per la promozione della Spagna.

Nel corso di un incontro tra José Manuel Soria, allora ministro dell’Industria, dell’Energia e del Turismo, e Alfredo Pérez de Armiñán, presidente del Patrimonio Nazionale, venne firmato un accordo di collaborazione in base al quale La Mareta può essere visitata da autorità internazionali.

Nel corso del tempo, personalità di ogni tipo hanno visitato il luogo, anche se il palazzo continua ad aspettare la visita di un membro della famiglia reale.

Claudia Di Tomassi