Natale alle Canarie, tradizioni del posto

Ci sono molte influenze nella cultura natalizia dell’Arcipelago, da quelle che provengono dalla penisola iberica a quelle latinoamericane, mescolando le tradizioni delle radici religiose con quelle profane.

In ogni caso, il Natale nelle Isole Canarie è celebrato in molti modi, alcune delle usanze hanno caratteristiche simili a quelle di qualsiasi regione della Spagna, ma ci sono anche celebrazioni abbastanza differenziate.

Inoltre, ogni isola presenta le sue peculiarità per quanto riguarda la celebrazione del Natale.

Ranchos pasquales

Sono nati nelle Isole Canarie nel 16° secolo.

Erano gruppi musicali che visitavano i villaggi a novembre per raccogliere donazioni per celebrare la messa per i morti.


Questa tradizione fu inizialmente chiamata “Rancho de Ánimas”, e durò fino a Natale, motivo per cui ora è chiamata “Rancho de Pascua”.

I gruppi eseguivano brani accompagnati da strumenti a corda, triangoli, campane, lo strumento tipico del “Timple” delle Canarie e tamburelli, e durante il Natale cantavano in chiesa la notte di Natale, la notte di San Silvestro e la notte de los Reyes.

Questa usanza fu stabilita nelle isole di Lanzarote, Fuerteventura e Gran Canaria, sebbene a causa dei divieti imposti dalla chiesa, molti di loro caddero nell’oblio e scomparvero.

A Lanzarote possiamo trovare il “Rancho de Teguise”, che è uno dei più antichi delle Isole Canarie e ha conservato le danze tipiche che sono state eseguite all’ingresso della chiesa in onore di Gesù bambino.

A Gran Canaria, i Ranchos di Ánimas iniziarono la loro attività il 1° novembre, in coincidenza con la festività di Todos los Santos e Los Finaos.

Questa celebrazione dura fino al due febbraio che coincide curiosamente con la data ufficiale in cui i presepi devono essere rimossi e in cui, nello stesso giorno, viene celebrata la festa de La Candelaria.

Lo scopo dei Ranchos de Ánimas è, come suggerisce il nome, cantare alle anime e raccogliere donazioni e elemosine, conosciute come “decima”, e poi consegnarle nella parrocchia per celebrare messe in onore del defunto.

Ti chiederai cosa ha a che fare con il Natale, perché semplicemente la relazione che hanno è che durante le nove notti di luce questi ranchos cantano alla nascita di Gesù con testi che alludono al Natale, ma senza cambiare le loro basi ritmiche e musicali.

Questi gruppi interpretano le loro canzoni accompagnate da strumenti particolari come: tamburelli, sonagli, spade, triangoli, batteria e alcuni strumenti a corda, a seconda del rancho.

A Gran Canaria possiamo trovare questi gruppi a La Aldea de San Nicolás, Teror, Valsequillo.., questi gruppi sono formati esclusivamente da uomini e sono capitanati dalla figura del cosiddetto “ranchero mayor”, che viene democraticamente eletto o ereditato da genitori ai bambini.

Le danze popolari di Natale nelle Isole Canarie come la “Danza de la Cunita” e la “Danza del Niño” sono un’altra delle tradizioni natalizie di queste isole.

Il Baile de la Cunita, tipico di Santa María de Guía, a Gran Canaria, si svolge il giorno di Natale nella piazza della città dove è collocato un presepe con un bambino e quattro coppie danzano in cerchio attorno ad esso.

Il Rancho di Pasqua a Teguise, alla vigilia di Natale è una rappresentazione della danza locale che si svolge nella chiesa. Il gruppo entra nel tempio danzando l’unico esempio di danza che è stato conservato in questo tipo di gruppi. La danza viene eseguita durante il bacio dei piedi e ha una caratteristica speciale: i ballerini toccano il tamburello e si ritirano e si muovono in avanti con i loro movimenti di danza senza voltare le spalle all’immagine di Gesù Bambino.

Tra i presepi più rappresentativi delle isole possiamo citare:

Natale tradizionale di Yaiza (Lanzarote): un classico di ogni Natale a Lanzarote è visitare il tradizionale presepe della città di Yaiza. Questo presepe ha, oltre alle solite scene della nascita, con la rappresentazione di case tradizionali in scala e luoghi emblematici dell’isola come Salinas de Janubio, Montagne di fuoco, La Geria, Mirador del Río, ecc. risultante in un’opera di grande bellezza.

Natale tradizionale di Haría (Lanzarote): un altro luogo simbolico dell’isola è quello tradizionale della città di Haría, la quale  viene visitata ogni Natale non solo dalla gente di Lanzarote ma anche dai turisti.

La città è già un vero dipinto di Natale con la sua valle di 1000 palme quando la osserviamo da uno dei punti panoramici della zona.

Si svolge nella Plaza de la Constitución e ogni anno cerca di trasmettere lo spirito natalizio ai suoi visitatori.

Playa de la Natividad de Las Canteras: un classico di Natale nella capitale di Gran Canaria è lo spettacolare presepe di sabbia che si svolge sulla spiaggia di Las Canteras e attira una moltitudine di visitatori ogni anno. Questo speciale presepe, unico in Europa, ha per la sua creazione rinomati scultori di prestigio internazionale, che anno dopo anno superano le loro capacità.

Maria Elisa Ursino