Esclusi dalla pista ciclabile gli scooter che vanno a più di 30 chilometri all’ora

Il Consiglio Comunale propone che in nessun caso i veicoli per la mobilità personale possano circolare sul marciapiede.

Gli scooter e gli altri veicoli elettrici per la mobilità personale che raggiungono velocità superiori a 30 chilometri all’ora non possono utilizzare la rete di piste ciclabili di Las Palmas de Gran Canaria.

Devono muoversi su strada, insieme agli altri veicoli a motore.

Questo è quanto proposto dall’assessore alla Mobilità, José Eduardo Ramírez, prima del processo di partecipazione dei cittadini che si aprirà nei prossimi giorni quando ognuno potrà contribuire con idee per la nuova ordinanza sul traffico della capitale.

Il progetto di regolamento ha 13 linee guida con i pedoni come punto centrale e comprende le nuove forme di spostamento.

I veicoli per la mobilità personale, compresi scooter o segway, che non raggiungono la velocità prevista di 30 chilometri all’ora dovranno in ogni caso percorrere le piste ciclabili o, in assenza di queste, la carreggiata.


L’idea del Comune è di equiparare questo nuovo tipo di mobilità alle biciclette.

Fino ad ora questo tipo di mezzi non era incluso nelle ordinanze, erano considerati una sorta di giocattolo, ora però si è reso necessario prenderli in considerazione perché il numero è in continuo aumento.

Il Consiglio comunale inoltre è in attesa della legislazione statale da parte della Direzione Generale del Traffico (DGT) che, in assenza di un governo, non è ancora arrivata.

L’ordinanza include anche il tipo di infrazioni a cui saranno soggetti i conducenti degli scooter elettrici in modo da dare sicurezza giuridica a tutti utenti e ma soprattutto alla polizia, che fino ad ora non sapeva come disciplinarli.

Una delle linee principali della nuova ordinanza ruota attorno all’aggiornamento e alla semplificazione della disciplina stradale.

In questo senso, il Consiglio Comunale includerà i nuovi veicoli, ma anche gli ultimi cambiamenti intorno alle aree blu e verdi o un regolamento più dettagliato per le biciclette, in vista dell’espansione della rete ciclabile.

Le linee guida della mobilità considerano la bicicletta una modalità di viaggio prioritaria e includono anche il Metro-Guagua come nuovo sistema di trasporto.

Metro-Guagua, i cui lavori sono in corso, costituirà la spina dorsale per i viaggi in città e per questo l’ordinanza includerà elementi come le corsie separate del BRT e il loro uso esclusivo.

La nuova disciplina, in linea generale, darà priorità ai trasporti pubblici e ai pedoni, oltre a favorire la sistemazione di nuove aree, la gestione del traffico con strade a 30 km/h e la creazione di programmi di “strade scolastiche sicure”.

Le strade scolastiche sicure sono un tipo di esperienza che esiste già in molte città spagnole come Granada o Barcellona.

Consiste in percorsi preferenziali segnalati in cui i bambini formano gruppi man mano che si avvicinano alla scuola, accompagnati in ogni momento da uno o più genitori.

E’ una misura che sarà concertata con tutti i dipartimenti delle scuole per concordare e progettare i percorsi.

Tutti i residenti nella capitale di età superiore ai 16 anni potranno dare suggerimenti e modifiche riguardo alla nuova ordinanza sul traffico della capitale.

La partecipazione dei cittadini sarà possibile attraverso la rete comunale (decide.laspalmasgc.es) e i risultati saranno resi noti dal Consiglio Comunale alla fine dell’anno.

L’idea è quella di aggiornare un regolamento ormai divenuto obsoleto.

Michele Zanin