Il New York Times include un vino canario tra i 20 migliori al mondo

Il prestigioso quotidiano assicura che è ben equilibrato e che si abbina perfettamente con una succosa coscia di agnello o altri piatti di carne rossa.

Il vino Gran Canaria Frontón de Oro è stato selezionato dal quotidiano statunitense ‘The New York Times’ come uno dei 20 migliori al mondo che può essere acquistato per meno di 20 dollari, 18,33 euro.

La nota specifica che Frontón de Oro condivide il podio con i prodotti francesi, italiani, tedeschi, statunitensi e altri due prodotti spagnoli.

Questa è la seconda volta che la cantina, situata a San Mateo, viene selezionata dal giornale per una lista di vini che oscillano tra i 15 e i 20 dollari, ed esprime anche la cultura di un luogo e della sua gente, secondo l’esperto responsabile della preparazione della classifica.

In questa occasione, l’editorialista ha scelto il tradizionale Fronton de Oro rosso del 2017, che può essere acquistato per quasi 17 dollari, ha detto il Ministro della sovranità alimentare del Cabildo de Gran Canaria, Miguel Hidalgo, che ha espresso le sue congratulazioni ai produttori di questo squisito vino.

Questo vino è fatto da uve raccolte da vigneti terrazzati ad alta quota, in particolare a 1.200 metri, che è fatto con listano nero e il suo sapore si caratterizza per aromi di fiori e frutti rossi.


Inoltre, egli assicura che è ben equilibrato e che si abbina perfettamente con una succosa coscia di agnello o un altro piatto di carne rossa.

L’inserimento di Frontón de Oro in questa lista esclusiva è stato un vero e proprio boom per la cantina, che ha già inviato 3.600 bottiglie di questo vino al suo distributore negli Stati Uniti grazie all’aumento di oltre il 20 per cento della domanda.

Ha spiegato Pedro Ramírez, uno dei soci proprietari che la cantina ha iniziato ad esportare negli Stati Uniti nel 2010 e attualmente i suoi vini si trovano in 23 Stati, ai quali invia il 30% della sua produzione annuale, ovvero circa 25.000 bottiglie.

Frontón de Oro è presente sul mercato di Gran Canaria da due decenni e produce in media 80.000 bottiglie all’anno grazie alle uve raccolte su più di 10 ettari situati nelle zone di Camaretas e La Lechuza a San Mateo.

Redazione