Nasce l’associazione di librai ed editori di Lanzarote ‘Isla literaria’

Il primo obiettivo dell’Associazione è quello di recuperare la fiera del libro di Arrecife.

Le librerie Lanzarote, El Puente, Fajardo e Diama e le case editrici Ediciones Remotas, IN [between], Siete Islas e Fórmula Creativa (la neonata casa editrice Itineraria sarà presto incorporata) hanno costituito l’associazione Isla Literaria, che si propone di diventare “un rivitalizzante” nella letteratura di Lanzarote, in crescita negli ultimi tempi, con la nascita di numerosi progetti.

Il libraio ed editore Tomás Pérez-Esaú presiede il gruppo di recente formazione, che è stato presentato pochi giorni fa nel Centro Culturale Agustín de la Hoz e che, tra i suoi obiettivi più immediati, c’è quello di recuperare la fiera del libro Arrecife, evento scomparso dal calendario culturale della capitale lo scorso anno, proprio quando avrebbe celebrato il suo giubileo d’argento.

Non conosco le cause di questo fallimento, ma secondo il detto, sembra che ‘l’abbiano uccisa e sia morta da sola'”, dice il responsabile culturale, che preferisce non commentare le difficoltà di ogni genere che sono sorte nel Comune di Arrecife durante l’ultimo mandato e che, ancora una volta, sono state attribuite alla sfera culturale.

La verità è che l’incontro annuale con i libri, che passava per diverse località della capitale di Lanzarote, dal Parco Ramírez Cerdá a El Charco, con edizioni applaudite che portavano a La Plazuela un mercato dell’usato, stava diminuendo per molti fattori fino ad essere eliminato dall’agenda culturale municipale.

Le quattro librerie che hanno partecipato all’evento hanno fatto proposte di miglioramento, come la scelta delle date più convenienti per promuovere le vendite o le attività parallele.


Nell’Isla Literaria questa sfida viene raccolta a breve termine, “soprattutto per dare alla fiera uno stile proprio”, ma l’intenzione finale è quella di collaborare attivamente per rivitalizzare “non solo la fiera o le date commemorative della letteratura, come la Giornata delle biblioteche, il libro per bambini, letteratura canaria… ma partecipare ad azioni concrete per promuovere la lettura, sia con gli scolari, coinvolgendo i media nella diffusione dell’abitudine alla lettura, sia permettendo contatti con professionisti del mondo letterario per partecipare a incontri sull’isola o tenere conferenze o workshop”, spiega l’editore.

I membri dell’associazione hanno già avuto incontri con le amministrazioni locali, in particolare con i responsabili del settore Cultura del Cabildo e con il Comune di Arrecife, che, assicurano, hanno accolto con interesse le proposte”.

Franco Leonardi