Apre il Mercato Virtuale Me Gusta del Cabildo

Il Mercato Virtuale del Cabildo si apre con 200 produttori e consegna a domicilio.

Il Cabildo di Gran Canaria ha aperto il Mercato Virtuale di Gran Canaria Me Gusta, con quasi 200 produttori del settore primario che effettuano consegne a domicilio.

Questo mercato, di cui il Cabildo ha informato in un comunicato, è stato creato per canalizzare le eccedenze agroalimentari prodotte dalla chiusura di alberghi, ristoranti e mercati a causa dello stato di allarme e per facilitare l’acquisizione di prodotti dall’isola da parte di cittadini e imprese.

Si tratta di una piattaforma ospitata da www.grancanariamegusta.com che ha ricevuto nelle prime ore più di 400 richieste.

Il suo obiettivo è quello di collegare direttamente domanda e offerta, in modo che ci sia un contatto tra produttore e consumatore per acquistare frutta, verdura, pesce, carne e formaggi, tra molti altri prodotti a partire dal chilometro 0.

Questa iniziativa si inserisce nel piano del Cabildo di creare un canale di vendita online permanente con un proprio carrello, un metodo di pagamento e una propria rete per la distribuzione dei prodotti.


Questo marketplace online è una vetrina che mostra i produttori e le aziende registrate, tutti i loro dati e ciò che è necessario per commercializzare con ciascuno di essi, da come effettuare l’ordine al pagamento e alla consegna.

Questo negozio virtuale è suddiviso in cinque aree: nord, capitale, centro, sud-est e sud, e anche in categorie di prodotti, in modo che gli utenti di Internet possano facilmente individuare i prodotti.

La vetrina espone frutta, verdura, pesce e carne, vino e birra, miele, olio, pane e dolci, con la rappresentanza dei 21 comuni di Gran Canaria e dei mercati agricoli e comunali, oltre ad associazioni e cooperative.

I produttori offrono vari canali per effettuare ordini, sia telefonici che Whatsapp, con consegna o ritiro a domicilio e una sezione di servizio clienti con e-mail e chat, supporto ai produttori e incidenti.

Questo mercato fa parte del pacchetto di misure contro la crisi causata dal coronavirus, a cui il Comune ha destinato, tra l’altro, una voce di un milione di euro.

dalla Redazione