Un piano speciale darà lavoro temporaneo a 500 disoccupati

Il Consiglio ha approvato la distribuzione di 5 milioni di euro tra i 21 comuni dell’isola per l’assunzione temporanea di oltre 500 disoccupati al fine di alleviare la perdita di posti di lavoro e soddisfare il fabbisogno di personale dei comuni generato dalla crisi del coronavirus.

Questo piano speciale per l’occupazione distribuirà 630.000 euro in parti uguali, altri 3,37 milioni secondo il numero di disoccupati che hanno avuto in febbraio e il restante milione a seconda dell’aumento della disoccupazione registrato a marzo, ha spiegato il ministro del Lavoro, Juan Diaz.

Così, il Consiglio Comunale  di Las Palmas avrà quasi 2 milioni, quello di Telde ne avrà 622.000 e quello di Santa Lucia ne riceverà 438.000.

San Bartolomé de Tirajana ne avrà 292.000 e Ingenio ne avrà 242.000.

I contratti del presente piano di lavoro avranno una durata compresa tra i 6 e i 12 mesi, salvo i casi di risoluzione e sostituzione del contratto, in cui la durata potrà essere inferiore, mentre la giornata lavorativa sarà pari o superiore al 75%.

Con questi fondi, i consigli locali e i loro enti pubblici potranno assumere profili che si adattano alle esigenze occupazionali della loro popolazione.


Ad esempio, potranno assumere assistenti sociali per far fronte all’aumento delle richieste di aiuti d’emergenza e di assistenza domiciliare, nonché assistenti amministrativi e tecnici per accelerare la stesura di progetti di lavoro per riattivare l’economia dell’isola quando lo stato di allarme sarà finito.

Il termine ultimo per l’attuazione di questo piano è il 30 ottobre 2021 e tutti i contratti devono essere avviati entro un massimo di tre mesi.

Lo stato di allarme in effetti ha causato a marzo il 31% in più di disoccupati nell’industria alberghiera dell’isola, mentre nella categoria degli altri servizi l’aumento è stato del 35%.

In entrambi i gruppi l’età 25-44 anni è stata la più colpita, con 19 e 21,7% rispettivamente.

Seguono il commercio (15%), l’edilizia (12%), l’industria (4,6%) e l’agricoltura (0,4%).

In relazione al genere, 3.347 dei nuovi disoccupati sono uomini e 2.959 donne.

dalla Redazione