Il Treno di Gran Canaria dà potere politico al PSOE

foto da www.canarias7.es

Il PSOE avrà 3 consiglieri contro i 2 di Nueva Canarias nel consiglio di amministrazione.

Miguel Ángel Pérez del Pino (PSOE), numero 2 nel Consiglio del GC, diventa presidente della Ferrocarriles GC in sostituzione di Antonio Morales (NC), che lascia l’azienda.

Pérez del Pino guiderà il più grande investimento nella storia dell’isola in termini di infrastrutture: 1.700 milioni di euro, sei volte di più della centrale di Chira-Soria.

Il progetto Ferrovia, che è già costato 26 milioni di euro negli ultimi 8 anni per relazioni e studi, smentisce l’annuncio elettorale del candidato socialista Luis Ibarra alle elezioni del 2019.

Ibarra promise che, se avesse raggiunto la presidenza dell’Isola, avrebbe modificato il percorso disegnato da Román Rodríguez (NC) quando era vicepresidente del Consiglio sotto il mandato di José Miguel Pérez (PSOE).

Durante il mandato di Pérez e Román Rodríguez, Luis Ibarra è stato ministro dell’Economia, per questo conosceva perfettamente il progetto, che dovrebbe iniziare a Las Palmas de Gran Canaria e terminare a Maspalomas, quasi al confine con Meloneras.


Ibarra, invece, ha proposto, con il sostegno del suo partito, un’altra variabile attraverso il trasporto modale dal cono sud della capitale per ridurre la congestione del traffico.

Ora, il PSOE di Perez del Pino riporta il progetto allo stato originale per accelerare l’iter burocratico avviato nel 2012.

Il dossier è in corso di approvazione in tutti i suoi obblighi amministrativi.

Pérez del Pino è balzato alla ribalta dopo aver assunto, nel primo mandato di Morales, la gestione della Ferrocarriles.

Dopo la distribuzione dei portafogli tra PSOE, NC e Podemos, Pérez del Pino ha assunto la vicepresidenza di Ferrocarriles, ma alla fine del 2019 le 2due formazioni maggioritarie del Cabildo (entrambe con 8 amministratori) hanno negoziato un cambio di rappresentanza nella società.

L’assunzione del potere politico da parte del PSOE in Ferrocarriles coincide anche con la distanza che Antonio Morales ha interposto con Román Rodríguez in seguito all’alleanza elettorale tra Nueva Canarias e Coalición Canaria nelle elezioni del novembre 2019.

Secondo fonti politiche, il passaggio da Pérez del Pino a Morales è solo strutturale, ma dal punto di vista della strategia di partito, permette al PSOE di essere al vertice del progetto ferroviario in tutte le aree.

A partire dal governo regionale, con Ángel Víctor Torres e Sebastián Franquis (Ministro dei lavori pubblici) ai consigli comunali di Las Palmas de Gran Canaria, Ingenio o San Bartolomé de Tirajana dove governano i socialisti.

Tre anni fa, gli autori del progetto del Treno di Gran Canaria avevano messo in guardia sui rischi finanziari del progetto se i percorsi all’interno della capitale fossero stati modificati.

Anche se il budget previsto era di circa 1,7 miliardi di euro, la possibilità di costruire una stazione di partenza e di arrivo intorno al Parco di Santa Catalina avrebbe fatto raddoppiare l’investimento.

Una delle formule prese in considerazione era quella di trasferire da San Telmo a Santa Catalina, in modo che il traffico di veicoli privati con autobus e taxi, così come il treno, non confluisse nella zona di Triana.

Tuttavia, le stime iniziali già affermavano che il budget sarebbe salito di circa 1,4 miliardi di euro in quanto il percorso verso il cono sud sarebbe stato complicato.

Ibarra propose addirittura due percorsi che sarebbero finiti a Telde e all’aeroporto di Gran Canaria, con la soppressione del percorso verso sud e la messa a disposizione di spazi pubblici a Carrizal de Ingenio, ad esempio, per i parcheggi.

Al Cabildo la messa in opera del treno era diretta dallo stesso Miguel Ángel Pérez del Pino, segretario del Gruppo Socialista di Las Palmas de Gran Canaria e coordinatore della campagna elettorale del PSOE a Gran Canaria per le elezioni del maggio 2019.

Il Treno di Gran Canaria collegherebbe in poco meno di mezz’ora la stazione di San Telmo a GPLC con Maspalomas, con fermate a Jinámar, Ingenio, Agüimes, Vecindario e San Agustín.

Secondo l’ex ministro Francisco Trujillo, l’autostrada GC1 è sull’orlo del collasso e non può più sostenere il traffico.

Trujillo ha ribadito che il treno è una scommessa sull’energia e l’economia e non è comprensibile, a suo parere, che per un treno da Madrid a A Coruña venga finanziato per 8.000 milioni rispetto ai 1.600 milioni per Gran Canaria.

Durante i cambiamenti societari, Antonio Morales ha lasciato il consiglio di amministrazione della Ferrocarriles.

NC ha nominato Pedro Justo Brito vicepresidente del Consiglio del Tesoro, mentre Carmelo Ramírez ne è uno dei membri.

Margarita González (Servizio Pubblico) e Norberto Castellano (Sport), del PSOE, occupano altri posti in Ferrocarriles.

Claudia Di Tomassi