Turismo de Gran Canaria investe più di 18 milioni di euro

Turismo de Gran Canaria investe più di 18 milioni di euro per realizzare progetti turistici strategici e promozionali

L’obiettivo è quello di promuovere progetti di sviluppo urbano che attivino l’economia, generino occupazione e migliorino alcune delle aree più visitate di Gran Canaria, al fine di rivalutare l’isola come destinazione sicura e di qualità.

Questa nuova iniezione economica si aggiunge al precedente contributo di un milione di euro per gli eventi sull’isola e al milione di euro che si riflette nei bilanci dell’Ente Turistico di Gran Canaria per la connettività.

Il turismo a Gran Canaria investirà 18 milioni di euro in progetti volti a riattivare l’immagine di Gran Canaria e la riqualificazione delle infrastrutture turistiche attraverso la realizzazione di piani di miglioramento urbano, già elaborati o in via di elaborazione, nonché l’attivazione economica di Gran Canaria, generando posti di lavoro diretti e indiretti.

Grazie a questa iniezione economica, il Dipartimento del Turismo del Consiglio Insulare prevede di attuare 15 misure in cinque dei comuni più orientati al turismo di Gran Canaria: San Bartolomé de Tirajana, Mogán, Santa Lucía, Arucas e Las Palmas de Gran Canaria.

Per il ministro del Turismo del Cabildo de Gran Canaria, Carlos Álamo, “è una scommessa coraggiosa di fronte a una situazione di crisi che nessuno si aspettava. Volevamo fare un passo avanti in questo contesto complicato causato dalla Covid-19.


Pensiamo sia giusto approfittare di questo momento di stasi turistica per dare una spinta all’economia locale. Da un lato, realizzando progetti di sviluppo urbano di interesse per il settore, in modo che le aziende aggiudicatarie possano avviare la loro attività economica.

Questo a sua volta genererà posti di lavoro sia diretti che indiretti, cosa che permetterà alle famiglie di essere economicamente solvibili, e allo stesso tempo migliorerà alcune delle aree più visitate, al fine di rivalutare l’Isola come destinazione sicura e di qualità”.

“Volevamo fare un passo avanti in questa complicata situazione e non solo lavorare su campagne mirate al turismo locale, ma anche fare la nostra parte per far funzionare l’economia di Gran Canaria”, ha detto il Ministro.

Le 15 misure sono state concordate con i diversi consigli comunali” ha detto Carlos Álamo, che ha aggiunto che “ci sarà anche più spazio, ma dobbiamo essere pragmatici”.

Siamo in un momento di massima urgenza e dobbiamo essere agili. Per questo motivo abbiamo dato priorità a queste aree di maggiore importanza turistica.

Sono progetti strategici per lo sviluppo del turismo nella nostra terra e sono stati anche progetti richiesti dai cittadini e dagli agenti turistici”, ha detto.

I 15 milioni di euro di questa iniezione economica per la riabilitazione turistica dell’isola sono destinati a San Bartolomé de Tirajana, Mogán, Santa Lucia, Arucas e Las Palmas de Gran Canaria.

In questo modo San Bartolomé de Tirajana, uno dei comuni che sono un punto di riferimento per il turismo a livello internazionale, riceverà, attraverso il Consorzio Maspalomas, quasi 10 milioni di euro che sono destinati, tra l’altro, alla riabilitazione del Paseo Meloneras e delle giostre dell’Anexo 1 di Maspalomas.

Da parte sua, Mogán, un altro dei comuni più orientati al turismo di Gran Canaria, riceverà 1.500.000 euro, che saranno utilizzati principalmente per modificare il Piano Strategico di Sovvenzioni dell’Ente del Turismo di Gran Canaria nel Piano delle Infrastrutture del Comune.

Grazie a questo contributo economico, la capitale di Gran Canaria avrà tre milioni di euro da investire nel miglioramento dei dintorni delle piscine di La Laja, nel miglioramento dell’accessibilità universale per quanto riguarda l’assistenza balneare e nel ripristino della base nautica e delle terme nella zona di La Puntilla, quest’ultima nei dintorni della spiaggia di Las Canteras.

Santa Lucia, invece, avrà più di 500.000 euro per la Bahía de Formas, mentre Arucas avrà 20.000 euro da destinare al piano industriale per la valorizzazione dei musei comunali.

Il Dipartimento del Turismo del Cabildo de Gran Canaria è stato proattivo fin dal primo momento della crisi sanitaria mondiale, e non ha risparmiato alcuno sforzo nella ricerca di formule che plachino le conseguenze attuali e future del settore.

Allo stesso tempo, e approfittando dell’assenza di residenti e turisti per le strade e nelle zone turistiche, è stato realizzato un ampio reportage su luoghi naturali, villaggi e sentieri da una prospettiva unica, “Gran Canaria, inedita”, che come #muchoporvivir si può vedere sul canale Youtube del Turismo di Gran Canaria e sui suoi social network.

dalla Redazione