20 parole dello slang canario da conoscere e utilizzare

Vivendo alle Canarie, frequentando centri commerciali o autobus, può capitare di sentire parole che non hanno un corrispondente nel dizionario di spagnolo. Nessuna paura. Ho preparato un elenco di venti parole dello slang canario.

¡Agüita! Questa esclamazione serve a indicare sorpresa, meraviglia, stupore o spavento. Se un semplice ¡Agüita! serve a indicare sorpresa, una ripetizione frenetica della parola “¡Agüita!¡Agüita!¡Agüita!¡Agüita!” denota uno stato d’animo preoccupato e spaventato.

 

Fonte: https://bit.ly/3dDp4HT

 

Calufo! o nella versione Calufa! indica un calore insopportabile.

Canelo. Se alle Canarie dovete indicate il color marrone, usate il concetto di Canelo che vedere l’aggiunta dell’aggettivo fuerte o il suo opposto flojo .


Cotufas o Roscas. Siete decisi a passare una bella serata al cinema? Avete fame? Non azzardatevi a chiedere del popcorn, se siete a Madrid potreste usare anche la parola “palomitas“, ma alle Canarie potreste decidere di sentirvi parte del popolo e chiedere a Tenerife delle Cotufas o a Gran Canaria delle Roscas, niente paura entrambe derivano dal mais (el millo).

Pa’l Choso. Alle Canarie non si ritorna alla mesòn o alla dolce casa, si va pa’l choso.

Desinquieto. Conoscete qualcuno che sia agitato? iperattivo? sempre in movimento? bene, questo vostro amico lo potete definire desinquieto. I bambini irrequieti possono essere definiti desinquietos …

Fosssss. Questa è una onomatopea molto utile, fate attenzione a non pronunciare la esse e pronunciare una h molto lunga e marcata. Da utilizzare nelle situazioni di disgusto, fastidio, quando c’è qualcosa che urta uno dei cinque sensi. La pronuncia corretta è “fohhhhh”.

Gavetas. I mobili alle Canarie non hanno i cassetti (cajon) ma hanno las gavetas.

Fonte: https://bit.ly/3dDp4HT

Golifiar o Golisnear. Quando le donne si ritrovano in spiaggia cosa fanno? Spettegolano, a Madrid si dice cotillear, mentre alle Canarie si parla di golifiar o golisnear. Piccola annotazione: ma sarà poi vero che sia una attività prettamente femminile?

Fonte: https://bit.ly/3dDp4HT

Guagua. Credo che sia la parola per eccellenza delle Canarie. Sono gli autobus, e gli autisti? guagüeros, in spagnolo chóferes.

Gufo. Qualcuno ha prodotto nelle vostre vicinanze un “vento” silenzioso ma maleodorante? Potete usare la parola gufo o semplicemente un fosssssss

Jalar. Tutti noi conosciamo qualcuno che divora il cibo o “ha mangiato come un maiale”, alle Canarie si dice jalar como un cochino ossia divorare il cibo come fanno i maiali.

Jugo. Volete un buon succo o una buona spremuta? potete chiedere il classico zumo oppure chiedere un jugo.

Machango. Con questa parola si intende chiamare in tono scherzoso (offensivo) una persona ridicola e che si comporta in modo eccentrico.

Mandarse a mudar. Corrisponde al nostro “andar via”, “sloggiare”; per esempio “vattene” verrebbe tradotto con “Machango (pagliaccio),  mándate a mudar(vattene)”.

Novelear. Se una sera volete uscire con gli amici senza una meta fissa per fare due chiacchiere (charlar), saleis (uscite) a novelear.

Fonte: https://bit.ly/3dDp4HT

Ños! Se guagua è la parola canaria per eccellenza, ños è l’esclamazione canaria per eccellenza. Come si pronuncia? la esse praticamente non viene pronunciata e viene sostituita con una forte aspirazione, per cui praticamente la s diventa una h. Indica stupore e sorpresa, usatela quando vi meravigliate sia per un evento positivo che per uno negativo.

Pelete. Questa parola è il contrario de calufa, così come potete pasar calufa, aver un caldo eccessivo, così potete pasar pelete.

Talegazo o darse un talegazo. Espressione idiomatica, significa cadere rovinosamente per terra.

Fonte: https://bit.ly/3dDp4HT

Tenderete. Fondamentalmente con questa parola si indica una festa ben riuscita o una festa tradizionale.

Fonte e immagini: http://humor.atresmedia.com/liopardo/memes/20-palabras-y-expresiones-canarias-que-todos-deberiamos-usar