Riapertura del mercato agrario di Fuerteventura

Il Mercato Agricolo di Fuerteventura, situato nella stazione degli autobus di Puerto del Rosario e ribattezzato dal Cabildo come ‘Mercafuer’, ha riaperto i battenti sabato scorso.

Il mercato è aperto dalle 09.00 alle 14.00, “con l’obiettivo di portare i prodotti locali alla popolazione.

Il mercato delle isole riaprirà “provvisoriamente” nella stazione degli autobus di Puerto del Rosario, anche se non è il luogo ideale per un mercato di questo tipo.

Il nome Biosphere Market sarà lasciato alle spalle e si chiamerà ‘MercaFuer’.

Questo spazio è destinato a una ventina di produttori dell’isola ed è stato adattato alla nuova realtà, una volta terminato lo stato di allarme.

In questo senso, l’assessore regionale ha ricordato ai presenti che il Consiglio ha altre strutture ma “non soddisfano requisiti fondamentali come la vicinanza”, come nel caso di Pozo Negro.


Un altro possibile luogo per il mercato sarebbe il caseificio, che è stato trasformato in un rifugio per gli immigrati dopo il loro arrivo sull’isola in patera.

Il mercato online Merca Fuer lanciato dal Cabildo nell’ambito del confino rimane attivo e “si sta consolidando”. “L’opinione generale degli utenti e dei produttori è positiva, anche se sarà migliorata e si impegnerà a rafforzare e valorizzare il marchio”.

Cerdeña ha ricordato l’acquisto di 180 tonnellate di prodotto chilometro zero con un importo di circa 200.000 euro che sono stati destinati alle famiglie più bisognose della nostra isola, attraverso varie ONG.

Una serie di misure di sicurezza sono state messe in atto per garantire le condizioni di salute.

Il Ministro ha anche ringraziato il personale del Cabildo per il lavoro svolto, “che ha lavorato sodo per garantire che lo spazio sia in condizioni ottimali per il suo utilizzo”.

Tra gli ultimi sviluppi del mercato “La Biosfera” c’è l’inserimento di nuove bancarelle artigianali che completano la gamma di prodotti disponibili nel settore majorero.

Attualmente il mercato dispone di sette diverse bancarelle artigianali, tra le quali i visitatori del mercato possono ora trovarne due dedicate al legno e alle bambole fatte a mano.

Il resto dell’offerta artigianale tradizionale e creativa del mercato comprende, tra l’altro, lavori a traforo, coltelli canari, gioielli, ceramiche creative, artigianato e candele fatte a mano.

Due nuovi coltivatori privati di frutta e verdura, uno del nord e l’altro del sud dell’isola, si sono recentemente aggiunti al mercato, ampliando così la varietà di prodotti della campagna majorera che i clienti possono acquistare in questo spazio.

Il Mercato Agricolo La Biosfera offre ai clienti la possibilità di acquistare prodotti del settore primario dell’isola, che vengono venduti direttamente dai produttori dell’isola senza bisogno di intermediari.

Tra gli articoli che il pubblico potrà trovare in vendita nella ventina di bancarelle allestite ci sono, tra gli altri, derivati dell’aloe vera, frutta e verdura di contadini privati e delle corporazioni, uova, piante, verdure biologiche, formaggi caprini, vini locali, pane e dolci fatti in casa, sale marino e spezie e pesce fresco de La Corralejo.

Il Dipartimento dell’Agricoltura, dell’allevamento, della pesca e dell’ambiente del Cabildo, che organizza il Mercato Agricolo “La Biosfera” con i produttori del settore primario dell’isola, le cooperative agricole e le corporazioni di pescatori, trae ogni sabato anche molti prodotti del settore primario majorero tra tutti gli acquirenti.

Il Cabildo organizza il lancio del Mercado Agrario La Biosfera senza che i venditori debbano affrontare alcun tipo di spesa relativa alla bancarella o ai servizi ivi forniti, compreso il trasferimento di materiale come borse, pesi, ecc.

Franco Leonardi