Perseidi 2020: godetevi la pioggia di stelle di agosto dal vivo

Quest’anno, il momento migliore per l’osservazione sarà durante le prime ore dopo il tramonto e verso mezzanotte.

La notte tra il 12 e il 13 agosto vedrà la massima attività delle Perseidi, la pioggia di stelle cadenti per le quali la Luna non sarà un ostacolo quest’anno e che l’Instituto de Astrofísica de Canarias (IAC) trasmetterà in diretta dai suoi osservatori.

In un comunicato, il Centro Astrofisico ricorda che, come ogni anno in questo periodo, la Terra passa attraverso la nube di polvere e rocce che la cometa Swift-Tuttle ha lasciato in ognuna delle sue orbite intorno al Sole e, di conseguenza, da metà luglio a fine agosto, si svolge l’attività delle Perseidi, note anche come “Lacrime di San Lorenzo”.

Per quest’anno 2020 l’attività delle Perseidi si svolgerà tra il 17 luglio e il 24 agosto e il massimo è previsto il 12 agosto.

L’attività delle Perseidi è di circa 100 meteore/ora e quest’anno il momento migliore per l’osservazione sarà nelle prime ore dopo il tramonto e verso mezzanotte.

Le Perseidi hanno come “genitore” la cometa Swift-Tuttle, scoperta nel 1862, che, con una dimensione approssimativa di 26 chilometri di diametro, è attualmente l’oggetto più grande che si avvicina periodicamente alla Terra.


In queste Perseidi del 2020, la IAC e l’Universidad Politécnica de Madrid (UPM) hanno unito le loro forze nell’ambito del progetto scientifico cittadino “Contadores de Estrellas”, finanziato dalla Fondazione spagnola per la Scienza e la Tecnologia, e hanno sviluppato un’attività educativa affinché ogni cittadino possa collaborare al “conteggio” di queste meteore.

Inoltre, il canale sky-live.tv trasmetterà in diretta questa “pioggia di stelle” dall’Osservatorio del Teide a Tenerife, con l’aiuto del suo coordinatore, Miquel Serra-Ricart.

Presso l’Osservatorio Roque de los Muchachos di La Palma, l’astrofotografo Antonio González, in collaborazione con il Servizio Innovazione, Progetti e Società dell’Informazione del Consiglio dell’isola, trasmetterà anche le immagini di questo evento astronomico dalla posizione dei telescopi MAGIC e del prototipo del Telescopio di grandi dimensioni (LST-1), che farà parte della rete Cherenkov Telescope Array.