FUERTEVENTURA: La capitale installerà archi termici nelle scuole per prevenire il contagio

Il Comune di Puerto del Rosario fornirà anche mascherine alle scuole per gli studenti provenienti da famiglie con meno risorse.

Il Comune di Puerto del Rosario installerà archi termici in tutte le scuole materne ed elementari del comune per ridurre il possibile rischio di infezione da coronavirus tra gli scolari e il resto della comunità educativa, secondo l’annuncio fatto dal sindaco, Juan Jiménez.

Inoltre, il Consiglio comunale fornirà a queste scuole mascherine per gli studenti delle famiglie con meno risorse e schermi protettivi per gli insegnanti.

Per quanto riguarda gli archi di temperatura, “possono essere un elemento davvero interessante per il controllo dei potenziali sintomi legati al coronavirus, anche se non necessariamente con il coronavirus in tutti i casi”, dice Jimenez.

L’acquisizione degli archi di temperatura e delle maschere avrà un budget di 110.000 euro, soldi che verranno presi “dai fondi dell’assessorato alle Feste che, per cause di forza maggiore,  non verranno programmate”, il che richiede “una procedura amministrativa che siamo in attesa di conferma da parte dei servizi legali se dovrà essere eseguita per intero o meno”, spiega.

Inoltre, aggiunge Jiménez, tale importo potrebbe aumentare durante il corso a seconda di come si evolve la pandemia e delle esigenze che possono sorgere.


L’obiettivo, quindi, è che l’iniziativa entri in vigore all’inizio del corso, cioè intorno al 15 settembre, ma se deve essere approvata in plenaria, potrebbe essere ritardata di qualche settimana.

Le mascherine saranno per gli studenti di età compresa tra i 6 e i 12 anni, in quanto non sono state fissate come obbligatorie per i bambini al di sotto dei 6 anni.

L’inizio dell’anno scolastico è una delle principali preoccupazioni del Ministero regionale dell’Istruzione, ma anche dei consigli comunali, che in ultima analisi sono responsabili della manutenzione e sorveglianza delle scuole.

Michele Zanin