Le Isole Canarie sono promosse come “unico luogo sicuro”

Le Isole Canarie sono promosse come “unico luogo sicuro” per fuggire in inverno

Le Isole Canarie saranno promosse in inverno come “l’unico luogo di fuga per godersi il bel tempo in tutta sicurezza” tra i turisti europei, sia come “rifugio dalle basse temperature del rigido inverno”, sia per le “garanzie sanitarie e legali” che offre di fronte al virus, ha annunciato mercoledì il Ministero del Turismo dell’arcipelago.

Lo scopo di “riconquistare i nostri turisti” dalla riapertura delle rotte aeree dai principali paesi di provenienza dei visitatori delle isole, come il Regno Unito e la Germania, guida questo dipartimento, che ha lanciato una campagna di marketing sotto il nome di La bienvenida más cálida de todas, detto in un comunicato.

Evidenzia la condizione di “rifugio europeo, paradiso naturale per rilassarsi davvero e dove tutto è pronto” dell’arcipelago che si evidenzia nell’iniziativa, che ha iniziato a diffondersi su Internet, appendendo un video prodotto come “pezzo principale” della campagna, a partire dallo scorso fine settimana.

Germania, Regno Unito, Svezia, Danimarca, Italia, Francia e Austria sono i paesi in cui è stato rilasciato inizialmente, anche se si prevede di estenderlo ad altri mercati come Norvegia, Finlandia, Irlanda, Belgio, Paesi Bassi e Svizzera, “tutti trasmettitori importanti per la stagione invernale alle Isole Canarie”, precisa il Ministero del Turismo.

(NdR: sperando nei NON lockdown di questi paesi)


Poiché, come “destinazione leader in questa stagione” in Europa, “dobbiamo trasmettere il messaggio che abbiamo rilanciato con garanzie di sicurezza e minimizzazione dei rischi per la salute”, aggiunge.

Valori della destinazione come l’ospitalità e il bel tempo sono combinati nella campagna con “messaggi che si concentrano sui vantaggi della destinazione che rappresentano ormai un differenziale, tra cui le garanzie sanitarie e legali che comportano l’applicazione della normativa europea, oltre ad avere infrastrutture sanitarie e ricettive tipiche di una destinazione consolidata”, dice il Ministero.

E precisa che è stata concepita come una campagna dinamica, “con l’incorporazione dei mercati e la modulazione degli investimenti secondo le circostanze di ogni momento, strettamente legata all’evoluzione della pandemia”.