Gli inglesi stanno rimandando i loro viaggi all’estate del 2021

Gli inglesi stanno rimandando all’estate del 2021 l’acquisto dei viaggi perché non sono sicuri di poterlo fare quest’inverno a causa del divieto di volo del loro governo fino al 2 dicembre, questo secondo le agenzie britanniche, ma non escludono di provare all’ultimo momento in vista del Natale.

L’Assessore al Turismo del Governo delle Canarie, Yaiza Castilla, ha incontrato online l’associazione delle agenzie britanniche (ABTA) e i responsabili della società EasyJet in occasione della fiera internazionale del turismo di Londra, il World Travel Market (WTM), che quest’anno si tiene virtualmente a causa del virus.

Come riportato dal Ministero in un comunicato, Susan Deer, “Director of Industry Relations”, e Angie Hills, “Head of Destinations”, hanno dimostrato che migliaia di britannici hanno perso la fiducia per andare in vacanza questo inverno.

Tuttavia, hanno avvertito che i consumatori non prenotano più così tanto in anticipo, il che non chiude la porta ad un aumento degli acquisti all’ultimo minuto questo Natale, in coincidenza con la riapertura del paese.

Ciò che è chiaro, secondo questa associazione, è che appena possibile, gli inglesi si recheranno alle isole, per cui hanno insistito sulla necessità di avere informazioni chiare sulle condizioni che devono soddisfare per venire alle Canarie, si legge nella nota.

Castilla ha assicurato che “approfitteremo di questa linea diretta che ABTA ci offre con i suoi associati affinché possano trasmettere loro tutte le informazioni su ciò che stiamo facendo nella destinazione”. Ci hanno messo a disposizione i loro canali di comunicazione con i loro membri per farci sapere di cosa ha bisogno un britannico per venire in vacanza nell’arcipelago”.


ABTA ha raccomandato al team di Promotur Turismo de Canarias, anch’esso presente all’incontro, che le attività promozionali incorporino valori come la sostenibilità, la possibilità di godere di un ambiente naturale e di spazi aperti, poiché ora più che mai suscitano l’interesse del pubblico, che è molto preoccupato per un viaggio sostenibile e sicuro.

L’Associazione Britannica degli Agenti di Viaggio ha sottolineato che le Isole Canarie hanno qualcosa che manca alle altre destinazioni, e cioè che sono ben conosciute dagli inglesi, il che favorisce la loro scelta, in quanto preferiscono tornare in un luogo dove sanno cosa troveranno, piuttosto che avventurarsi in nuove esperienze in luoghi dove si viaggia per la prima volta.

D’altra parte, i responsabili di EasyJet hanno detto che la voglia di viaggiare c’è ancora, con un sacco di richieste da parte di persone che non sono state in grado di farlo e che sono in attesa di misure da attuare per dare loro sicurezza, come l’esecuzione di test prima del viaggio.

EasyJet ha confermato che le Isole Canarie sono cruciali per loro e che quando sono stati annunciati i corridoi sicuri hanno registrato un aumento del 900% delle prenotazioni che è durato circa 10 giorni fino all’arrivo del secondo confino del Paese.

Ha inoltre riferito di avere oltre 300 aerei pronti a soddisfare la domanda non appena la situazione sarà chiarita.

La pandemia ha fatto sì che tra i mesi di febbraio e novembre le Isole Canarie abbiano perso circa 7,2 milioni di posti aerei.