Saper bere e saper mangiare in Spagna

Saper bere e saper mangiare in Spagna – Un rosso potente con un gustoso rollè di maiale e friarelli.

La Rioja confina con i Paesi Baschi (provincia di Álava) a nord, con la Navarra ad est e a nord-est, con l’Aragona (provincia di Saragozza) a sud-est, e con la Castiglia e Leon a sud e ad ovest (province di Soria a sud e di Burgos ad ovest).

Il fiume Ebro scorre attraverso questa regione, così come il Rio Oja, dal quale prende il nome.

La Rioja è la seconda più piccola tra le comunità autonome spagnole ed ha la popolazione più bassa; una buona metà delle sue 174 municipalità ha popolazioni inferiori ai 200 abitanti. Quasi metà dei suoi cittadini vive nel capoluogo.


La Rioja è famosa per la sua produzione di vini rinomati. 

Ho voluto riportare questi dati sulla regione della Roja perché essa è così tanto piccola quanto è famosa e questo successo le è dovuto per la svariata produzioni di vini d’eccellenza conosciuti in tutto il mondo e meritatamente premiati in più occasioni.

Il vino di questo mese è appunto uno di questi vini, un rosso giovane, proveniente dalla cantina Bodegas Luis Gurpegui Muga.

Nota di degustazione e di accoppiamento: colore vermiglio intenso con iridescenze violacee; aromi di invecchiamento complessi, che si impongono sul fondo floreale. Note di rovere e cuoio. Vino di medio corpo, saporito e molto rotondo. Perfetto da abbinare a piatti di selvaggina, stufati e salsicce.

La temperatura di servizio è di 12°-14°C.

Si tratta di un vino con il marchio di denominazione di origine qualificata.

La sua gradazione alcolica non è elevatissima come i suoi parenti più maturi che oscillano tra i 13% e 14% di alcol, comunque è un vino che per il suo carattere deciso merita di deliziarci se abbinato con una pietanza di prestigio capace di soddisfare il difficile, ma ricercato gusto del buongustaio italiano. Stiamo parlando di un rollè al contrario composto da filetto di maiale al centro con friarelli in crosta di pane e pancetta che circondano il filetto, insomma come dire un bel paninone con dentro maiale e verdura e fuori pane e pancetta (terribile, ma provatelo!).

Ingredienti per 4/5 persone:
– 500g. di filetto di maiale

– un mazzetto di friarielli (o cime di rapa)

– 200 g pancetta magra tagliata sottilissima

– una baguette (frusta) di pane di lunghezza di poco maggiore di quella del filetto

– aglio
– sale q.b.

– pepe q.b.
– spago da cucina
– mezzo bicchiere di vino bianco secco

– olio EVO

– aromi vari: rosmarino, ginepro, alloro, ecc.


Preparazione.

1) I preliminari – Prendete il filetto e massaggiatelo bene con il sale alle erbe aromatiche oppure con il sale e le erbe aromatiche a parte (sale, pepe, rosmarino, ginepro, alloro) per farlo insaporire.

Successivamente pulite e lavate i friarelli.

2) La cottura – Mettete il filetto in padella con olio e uno spicchio d’aglio e fatelo rosolare bene da ogni lato in modo che sia ben colorato (non bruciato!) su tutti i lati, quindi mettete il filetto di maiale in un piatto senza lavare la padella dove aggiungerete un altro filo di olio (EVO) quindi mettete ad appassire i friarielli con il sale e lasciate cuocere coperti fino a che sono appassiti, ma non troppo cotti. Nel frattempo prendere la baguette (pane) e tagliatela orizzontalmente in modo che la parte inferiore e superiore abbiano circa lo stesso spessore. Togliere delicatamente la mollica evitando di rompere il pane e, poi, ungere con olio, mediante un pennellino da cucina, le pareti della baguette. Successivamente porre i friarelli nella baguette in modo da coprire completamente e sufficientemente le pareti precedentemente unte con olio EVO. Infine porre il filetto di maiale sul lato basso della baguette, sopra i friarelli e, quindi, chiudere la baguette sopra il filetto stringendo bene con le mani.

A questo punto mettere le fette di pancetta sotto e sopra la baguette in modo che sia interamente ricoperto e, quindi, prendete lo spago e legate bene la baguette in modo che la pancetta non possa scappare durante la cottura.

Mettere un filo di olio (EVO) nella pirofila da forno, quindi adagiatevi il prodotto del vostro lavoro.

Cuocete nel forno a 180° per 30 minuti, poi toglietelo dal forno e versate sopra il vino bianco, quindi proseguite la cottura per altri 10-15 minuti facendo asciugare il vino e rosolare il tutto. Fate raffreddare e poi ponetelo su un tagliere per affettarlo, eliminando lo spago prima di servire la fetta.

Buon appetito!

Sito di riferimento: https://www.ideericette.it/ricetta-filetto-maiale-friarielli-crosta-pane-pancetta/

di Stefano Dottori