Animali-Grasso non è bello

Recenti studi hanno permesso agli esperti di tracciare un profilo dell’animale domestico (sia cane che gatto che roditore) extra-large. I nostri amici a quattro zampe (e non solo), compagni inseparabili sul divano, sono dei “sedentari costretti” e quindi più predisposti ad accumulare grasso in eccesso.

Mi spiego meglio: a causa dei troppi impegni dei padroni, della loro pigrizia o della loro indifferenza a una vita da appartamento con scarse uscite ai giardini, oltretutto peggiorato da un super “affetto nutritivo”…, tutto questo fa sì che le bestioline casalinghe ingrassino a dismisura e di conseguenza abbiano maggiori patologie ed una vita più breve.

I cani nutriti in maniera casalinga o mista, poi sono quelli più colpiti dal fenomeno rispetto a quelli che mangiano solo cibo industriale, mentre per i gatti è l’esatto contrario. Purtroppo ancora molti proprietari ignorano il problema: in Italia non si usa pesare il proprio cane o gatto o altro che sia, cavia, criceto, uccellino etc etc. Una bella abitudine, come si fa con i neonati, sarebbe, una volta al mese, pesare il proprio amico e fare una vera e propria tabella, per capire soprattutto quali possano essere le cause di un improvviso ingrassamento. Il dato sugli animali da compagnia italiani è più o meno in linea con quello europeo dove il tasso di sovrappeso e obesità varia tra il 25 e il 45%. Stiamo attenti e soprattutto non cerchiamo di colmare le nostre assenze dando cibo a volontà! Accorceremmo loro la vita! Un animale grasso non è bello e nemmeno divertente!