L’obiettivo è quello di contribuire ad una formazione che faciliti il cambio generazionale in questa attività.

Il Comune di La Oliva, attraverso il consiglio del settore primario, ha contribuito alla celebrazione del corso per “patron” di pesca locale nella corporazione dei pescatori di Corralejo.

Si tratta di un corso di formazione che non viene tenuto nel comune da 20 anni e il cui scopo è quello di contribuire a garantire il ricambio generazionale degli attuali marinai una volta che si ritirano dall’attività.

La cofradía de pescadores dell’area settentrionale svolge un ruolo importante nel settore della pesca da quando Juan Francisco González è entrato a far parte della cofradía come senior.

Insieme ai suoi colleghi Juan Ramón Roger (Gran Tarajal) e Juan Placeres (Morro Jable), hanno svolto un magnifico lavoro a favore del settore della pesca nelle loro diverse aree di attività.

Attualmente la cofradía norteña, che riunisce i pescatori di El Cotillo e Puerto del Rosario, conta 48 marinai con un’età media di 50 anni. Da qui, la necessità di affrontare il cambio generazionale nello stesso.


“La pesca è sempre stata un elemento importante nell’ambito dell’attività di Corralejo e di El Cotillo, con la quale molte famiglie sono vissute; anche con un esemplare rispetto per l’ambiente e la conservazione delle specie.

Per questo motivo, dal Comune di La Oliva ci impegniamo per la continuità di questo settore e contribuiamo a garantire il ricambio generazionale”, sottolinea l’assessore al settore primario, Julio Santana.

Il Consiglio del Nord sta erogando una borsa di studio di 15.000 euro per finanziare la formazione ricevuta da 20 studenti, che contribuiscono con circa 150 euro alla quota di iscrizione.

Questo copre anche la pratica a Corralejo, le tasse d’esame e i viaggi per l’esame pratico a Lanzarote.

Da parte sua, il capo dell’associazione dei pescatori di Corralejo, Juan Francisco González, sottolinea che “da tempo lavoriamo con la Scuola di pesca di Lanzarote e il gruppo di azione costiera, cercando di portare questa formazione al comune, e siamo riusciti a farlo con l’appoggio del Comune di La Oliva”.

Il corso dura tre mesi e permette a chi lo supera di diventare capitano o skipper o jefe capo su pescherecci fino a 12 metri di lunghezza e 100 chilowatt di potenza e a 12 miglia dalla base.

Daniele Dal Maso