Gran Canaria avrà delle riserve per proteggere la lucertola gigante dal serpente californiano.

Il Cabildo allestirà quattro spazi con rocce e flora endemica per difendere questa specie dal declino della sua popolazione: nella capitale esiste già una base confermata.

Quest’anno l’isola preparerà fino a quattro zone artificiali per proteggere la lucertola gigante di Gran Canaria (Gallotia stehlini) da uno dei suoi principali predatori, il serpente reale della California (Lampropeltis getula californiae), una specie invasiva della costa occidentale degli Stati Uniti di cui si ha notizia della presenza sul suolo dell’isola dal 1998, 22 anni fa.

La loro rapida riproduzione rappresenta una minaccia e ha reso vulnerabile la presenza di questi rettili, anche se non sono a rischio di estinzione.

Nel 2020, fino all’1 dicembre sono stati catturati 1.990 serpenti.

Il Cabildo prevede di allestire questi spazi strategicamente distribuiti in tutta l’isola con l’obiettivo di spostare gli esemplari di questa specie che si trovano in natura dalle zone dove c’è una maggiore presenza del serpente della California per evitare che il serpente finisca per sradicare questa lucertola, come confermato da Manuel Amador, direttore generale dell’istituzione dell’isola per l’ambiente.


Questa lucertola, endemica di Gran Canaria, è anche la più abbondante dell’arcipelago e la più grande, raggiungendo fino a 80 centimetri di lunghezza dalla coda alla testa.

“Non è in pericolo di estinzione, ma il declino della sua popolazione è significativo”, dice Amador.

Le riserve saranno di 15.000 metri quadrati e comprenderanno la flora endemica dell’isola.

La presenza del serpente californiano ha già sradicato la lucertola in alcuni luoghi di Gran Canaria come Valsequillo, dove sono stati rilevati i primi grandi focolai di questo serpente; la zona di La Solana, a Telde; Montaña La Data, nella città di San Bartolomé de Tirajana, e Montaña Amagro a Gáldar.

In altre zone, come il barranco di Guiniguada a Las Palmas de Gran Canaria, c’è già carenza di lucertole giganti.

Considerato questo scenario e la previsione che il serpente potrebbe portare la lucertola gigante in pericolo di estinzione, l’idea è quella di sviluppare quattro riserve fino a 15.000 metri quadrati, un ettaro e mezzo ciascuna.

Uno di questi sarà situato nel parco urbano intorno a La Ballena, nella capitale di Gran Canaria.

La seconda sarà allestita vicino alla Sima de Jinámar, a Telde, e la terza nel sud-est dell’isola, probabilmente nel comune di Villa de Agüimes.

La quarta riserva è ancora da determinare.

In queste zone protette, il Servizio Ambientale ricreerà, in spazi naturali, l’habitat di questi rettili.

I nascondigli saranno adattati posizionando delle rocce e queste aree saranno ripopolate con piante in modo che le lucertole giganti che vi trovano una casa possano nutrirsi da sole.

La maggior parte di loro saranno specie endemiche dell’isola, poiché, sebbene sia un animale onnivoro, la base principale della sua dieta sono le piante.

Nei dintorni di questi spazi, invece, saranno installate delle trappole per evitare che il serpente della California cerchi di accedere ai recinti.

In questa azione di conservazione della lucertola gigante, il Municipio avrà la collaborazione dei consigli comunali in quanto le riserve saranno insediate su suolo pubblico.

Questo permetterà di visitare questi spazi, che quindi saranno aperti al pubblico.

Saranno allestiti dei pannelli informativi.

Dal 2009 sono stati catturati a Gran Canaria un totale di 9.966 serpenti della California!!!

Nonostante le continue catture di serpenti californiani, il numero di esemplari distribuiti sull’isola continua però ad aumentare.

Da quando sono stati fatti i registri di cattura, il numero è aumentato di anno in anno.

Così, nel 2008 sono stati catturati 132 serpenti, 216 nel 2009, 581 nel 2010, nel 2011 la cifra è scesa a 331, ma è risalita nel 2012 con 573, altri 686 nel 2013, 701 nel 2014 e altri 833 nel 2015.

L’anno successivo sono stati catturati 895 serpenti nel 2016, 1.092 nel 2017, altri 1.086 nel 2018 e 1.990 nel 2019.

In totale, fino alla metà del 2020, sono stati raccolti 9.966 serpenti.

Grazie a questo processo di espansione in tutta l’isola, le riserve saranno in grado di conservare le specie endemiche di lucertole di Gran Canaria.

Le prime riserve saranno pronte alla fine del 2021; in primo luogo il Cabildo dovrà indire una gara d’appalto per la redazione dei progetti, per i quali ha stanziato un importo di 15.000 euro.

Franco Leonardi