Realizzare “corridoi verdi” nelle isole Canarie per rilanciare il turismo

Il portavoce del gruppo parlamentare Agrupación Socialista Gomera (ASG), Casimiro Curbelo, ha spostato alla prossima sessione plenaria prevista la possibilità che le isole Canarie diventino la prima destinazione a sviluppare un’esperienza pilota di corridoi turistici sicuri destinati alle persone che sono state vaccinate e recuperate dal virus.

Pertanto, presenterà questo problema al ministro del turismo, industria e commercio del governo delle Canarie, Yaiza Castilla, con l’obiettivo di valutare la creazione di un programma pilota per l’attuazione nell’arcipelago dei “corridoi verdi” per aumentare il settore del turismo delle isole, duramente colpito dall’impatto economico della pandemia.

Curbelo fa appello agli indicatori epidemiologici favorevoli che attualmente ha l’arcipelago e ricorda che lo zero nel turismo ha portato ad un calo significativo del PIL nelle isole Canarie, quindi ritiene che questi corridoi verdi siano un’opportunità per rilanciare il settore.

In questo senso, proporrà La Gomera come prima destinazione spagnola per implementare questo progetto pilota, grazie ai suoi bassi tassi di contagio.

“Un’iniziativa che abbiamo intenzione di passare al resto delle isole, una volta confermato il suo successo nella realizzazione”, ha detto.

Curbelo ha alluso ai gravi problemi strutturali che le isole hanno sopportato per decenni, oltre a quelli derivanti dalla crisi.


“Questo ci ha portato ad avere i più alti tassi di disoccupazione e povertà nel paese, con più di 279.000 disoccupati e il 35% della popolazione a rischio di povertà ed esclusione sociale, quindi dobbiamo fare uso di tali strumenti che ci permettono di avere più risorse da investire nel miglioramento della qualità della vita della nostra società”, ha detto.