Ci sono posti sul pianeta dove le stelle sembrano essere a portata di mano.

Luoghi dove ci si sente letteralmente più vicini al cielo, a causa delle sue qualità ambientali, l’osservazione della volta celeste è un vero spettacolo.

Il turismo astronomico sta crescendo passo dopo passo, e nelle Isole Canarie troviamo una buona quantità di opportunità per praticarlo.

In questo caso, stiamo parlando dell’isola di Fuerteventura, che ha appena inaugurato il belvedere astronomico Sicasumbre, il primo di una rete di mirador che verranno installati intorno all’isola.

L’isola di Fuerteventura è una Riserva della Biosfera e attualmente sta gestendo il suo ingresso nel gruppo selezionato di siti mondiali che portano il titolo di Starlight Reserve, luoghi ideali per contemplare il cielo notturno in totale assenza di inquinamento luminoso.

La differenza tra il cielo delle città e quello di altre zone meno inquinate va da 500 a 15.000 stelle visibili.


La qualità del “cielo scuro” di molti luoghi in Europa li conta già in questa lista.

Fuerteventura aspira ad unirsi al gruppo.

In questo modo, il belvedere astronomico di Sicasumbre è progettato per la conoscenza di questo meraviglioso cielo canario, godendo di una vista molto speciale.

Il belvedere stesso si trova all’entrata del Parco Naturale di Jandia, ed è costruito con materiali naturali della zona per evitare l’impatto visivo con l’ambiente.

I visitatori trovano un accesso semplice e confortevole, morbidamente illuminato con luci LED a carica solare (convenientemente puntate a terra).

Il belvedere ha una pianta circolare, con una base che permette l’attrezzatura fotografica o gli strumenti di osservazione dei visitatori stessi che vengono con il loro telescopio amatoriale.

Ci sono anche elementi integrati nella struttura del belvedere, che permettono di imparare con diversi strumenti di interpretazione del cielo e delle sue stelle installati in questo mirador.

Una rosa dei venti, un “contatore di stelle” e un modello del sistema solare.

A poco a poco verranno aggiunti altri elementi in modo da poter “leggere il cielo” come un profilo che facilita l’osservazione durante gli equinozi e i solstizi.

Con un’area di parcheggio e pannelli informativi, ha anche indicazioni sulla posizione delle costellazioni stellari, una meridiana e un orologio verticale.

Dal belvedere astronomico di Sicasumbre, situato a circa 300 metri sul livello del mare, nelle prime ore della sera è relativamente facile vedere una stella che spicca all’inizio della primavera.

Si tratta di Espiga, la stella principale della costellazione della Vergine.

Molto vicino ad essa si trova la costellazione del Boyero, con Arturo come stella prominente, mentre a destra della Vergine si trova la piccola costellazione del Corvo, caratteristica per la sua forma a diamante o quadrilatero.

Il belvedere si trova sulla strada FV-605 che collega Pájara con la città costiera di La Pared.

Si parcheggia vicino alla strada e si salgono alcune scale fino al punto di osservazione.

In questa zona c’è poca vegetazione, alcune piccole tabaibe, qualche decina di esemplari di Euphorbia balsamífera, così come alcuni verodales nelle zone più alte della montagna di Sicasumbre.

La notte majorera si caratterizza per l’alta qualità del suo cielo, il basso inquinamento luminoso dell’isola rende possibile godere di un bel cielo stellato.

Questa è una delle condizioni per essere considerata una Riserva Starlight, che è definita come lo spazio in cui si stabilisce un impegno per difendere la qualità del cielo notturno, l’accesso alla luce delle stelle e i diversi valori associati, siano essi culturali, scientifici, astronomici, paesaggistici o naturali.

Il sentiero di accesso al belvedere è molto ben segnalato, a metà strada c’è una zona di riposo con una pergola di legno, e nelle vicinanze c’è un grande cartello con la parola ‘Fuerteventura’ accompagnato da diverse sculture di capre, opere dello scultore majorero Juan Miguel Cubas.

Il belvedere di Sicasumbre è un luogo ideale sia per l’osservazione e la conoscenza del firmamento, sia per godere dei meravigliosi paesaggi che offre.

Da qui possiamo vedere un paesaggio di enorme bellezza verso il Monumento Naturale di Montaña Cardón e il Parco Naturale di Jandía, e anche verso Montaña Hendida e Degollada del Viento.

L’isola di Fuerteventura celebra la Notte Mondiale delle Stelle il 20 aprile, quindi questo giorno sarebbe un buon momento per fare una breve passeggiata al belvedere astronomico Sicasumbre e condividere questo giorno di festa con altri amatori e professionisti.

Franco Leonardi