Una banda criminale che contrabbandava eroina a Fuerteventura dall’Olanda

Agenti della polizia nazionale hanno arrestato nelle isole Canarie un totale di 14 uomini e una donna, di età compresa tra 20 e 61 anni, otto dei quali con precedenti di polizia, come presunti autori dei reati di appartenenza a un’organizzazione criminale e di traffico di droga.

I detenuti, di nazionalità dominicana, spagnola, colombiana e venezuelana, contrabbandavano eroina nelle isole Canarie usando muli che viaggiavano su voli dall’Olanda.

Nove perquisizioni sono state effettuate a Fuerteventura e Gran Canaria in cui sono stati sequestrati 1,5 chili di eroina, 1,4 chili di cocaina, 275 grammi di metanfetamina, 550 grammi di hashish e 100.000 euro in contanti.

All’inizio del 2019, gli investigatori della Polizia Nazionale hanno rilevato nel quartiere gran canario di Schamann un punto di vendita di sostanze stupefacenti molto attivo, dal quale diversi individui distribuivano eroina giorno e notte.

Le indagini della polizia hanno permesso di determinare che la droga distribuita nel quartiere della capitale è stata introdotta per mezzo di muli che sono arrivati alle Canarie con voli diretti dall’Olanda.

Così, su due voli internazionali, gli agenti hanno localizzato un totale di sei viaggiatori (cinque uomini e una donna) di nazionalità dominicana, nigeriana e spagnola, che trasportavano eroina nel loro corpo e che sono stati arrestati al loro arrivo all’aeroporto di Gran Canaria.


L’indagine della polizia è culminata in cinque perquisizioni di proprietà a Puerto del Rosario e altre quattro a Gran Canaria (Arucas, Schamann, San José e Ingenio), in cui sono stati sequestrati 1,5 chili di eroina, 1,4 chili di cocaina, 275 grammi di metanfetamina, 550 grammi di hashish e 100.000 euro in contanti.

Durante le perquisizioni, sono stati arrestati nove uomini di nazionalità spagnola, colombiana e venezuelana, tutti come presunti autori di reati di appartenenza a un’organizzazione criminale e di traffico di droga.

Il rapporto di polizia corrispondente è stato redatto e tutti i detenuti sono stati consegnati all’autorità giudiziaria competente, che ha ordinato l’invio in prigione di 11 di loro.

L’intervento della polizia è stato effettuato da agenti della Brigata Provinciale di Polizia Giudiziaria (UDYCO) di Las Palmas.