La capitale consolida la sua offerta di ‘food truck’ con nove veicoli

Il Comune di Las Palmas de Gran Canaria consolida il suo impegno per il commercio locale e la vendita ambulante attraverso l’installazione e la promozione di nove ‘food truck’ in diverse enclavi della città e con varie proposte gastronomiche.

L’assessore allo sviluppo locale, occupazione e turismo del Comune di Las Palmas de Gran Canaria, Pedro Quevedo, riferisce in un comunicato che fino alla fine di giugno di quest’anno, i cittadini possono acquistare prodotti gastronomici in nove di questi veicoli, situati in diverse parti della capitale di Gran Canaria.

L’obiettivo, ha avanzato, è che l’area comunale di sviluppo locale estende la chiamata per la seconda metà del 2021. 

I “food truck” hanno un orario di vendita tra le 9.30 del mattino e le 23.00 di notte, secondo le restrizioni alla mobilità notturna dettate dalle autorità competenti, e sono installati in luoghi a rotazione.

Queste località sono: Plaza Stagno (vicino alle biglietterie e nella zona del terminal di Guaguas), l’Auditorium Alfredo Kraus (dietro la fermata dell’autobus), El Confital (vicino alla Plaza Pepe Limpiabotas), la Fuente Luminosa, la spiaggia La Laja (nella zona della piscina naturale), Plaza de la Música, il parco dei giardini Buenavista, il parco Mayordomía, il parco del barranco La Ballena, Plaza de Canarias e Plaza de Doramas.

Queste bancarelle devono offrire cibo preparato con prodotti freschi provenienti da fornitori locali e da aziende impegnate nell’economia sociale e solidale.


Possono anche vendere dolci e ciambelle, snack e bevande, purché non ci sia alcool.

Tutti i prodotti devono anche soddisfare le condizioni tecnico-sanitarie di preparazione, manipolazione, imballaggio e presentazione, così come quelle relative all’igiene dei prodotti alimentari.

Ogni bancarella deve occupare uno spazio massimo di 35 metri quadrati e rispettare le misure sanitarie, evitando la folla di più di 10 persone nelle bancarelle, dove non si possono svolgere attività che coinvolgano i partecipanti al canto e al fumo, che non ci siano contatti fisici e che non ci sia consumo di alcool. 

Inoltre, una distanza di sicurezza interpersonale di almeno 1,5 metri deve essere mantenuta in ogni momento, e tutte le persone dai sei anni devono indossare una maschera, indipendentemente dal mantenimento di questa distanza.

I gestori di camion alimentari puliscono e disinfettano le strutture due volte al giorno, prestando particolare attenzione alle superfici toccate più frequentemente, come i banconi e i tavoli o altri elementi delle bancarelle.

Inoltre, il pubblico e i lavoratori hanno a disposizione gel idroalcolici, così come bidoni per depositare fazzoletti e materiale monouso. 

Il consigliere Pedro Quevedo ha spiegato che questa misura fa parte dell’obiettivo di “rivitalizzare le aree commerciali e turistiche, attraverso lo sviluppo di azioni che migliorano il tessuto commerciale”.

Il settore dei venditori ambulanti “contribuisce allo sviluppo e alla rivitalizzazione dell’economia, alla creazione di posti di lavoro e alla promozione della città, oltre ad essere un’attività che ha una lunga tradizione nel comune”, ha ricordato.