Sanchez dice che i dati provenienti dal Regno Unito sono preoccupanti perché sono già a ben oltre 150 casi per 100.000 abitanti.

Il presidente del governo, Pedro Sánchez, ha annunciato questo lunedì che la Spagna richiederà un PCR negativo o una vaccinazione completa a tutti i cittadini provenienti dal Regno Unito al nostro paese. La misura inizierà ad essere applicata entro 72 ore.

Sanchez ha giustificato la decisione nel fatto che i dati provenienti dal Regno Unito sono preoccupanti perché hanno ben oltre 150 casi per 100.000 abitanti in 14 giorni.

In questo senso, ha detto che è necessario prendere alcune precauzioni supplementari nel nostro paese e ha specificato che lo annuncia affinché gli operatori turistici e i turisti ne tengano conto.

Il presidente ha spiegato che i ministeri degli Affari Esteri, dell’Industria, del Commercio e del Turismo, della Salute e dell’Interno hanno lavorato all’attuazione di questa misura.

Sánchez ha ammesso che il rapporto con il Regno Unito con l’Unione europea è diverso perché prima sedeva nel Consiglio europeo e le misure riguardanti la mobilità erano condivise, tuttavia, ora, ha detto, adottano le proprie misure.


Tuttavia, ha chiarito che il desiderio di mobilità lo hanno anche i cittadini spagnoli, con più di due milioni di persone che hanno già scaricato il certificato verde digitale con la vaccinazione o con il tampone.

Ha ammesso di essere “preoccupato” per l’epidemia che si è verificata nelle isole Baleari, dove più di 800 persone sono già state infettate dai viaggi di fine anno degli studenti provenienti da altre parti della Spagna.

Ma ha chiarito che è necessario vedere il profilo degli infetti, specificando che sono giovani, asintomatici, non vaccinati e non hanno bisogno di ricovero.

Sanchez ha voluto valutare la situazione epidemiologica in Spagna in vista dell’arrivo dei turisti nelle prossime settimane, affermando che l’incidenza cumulativa in Spagna è la più bassa da agosto dello scorso anno e così è il livello di letti d’ospedale occupati.

Tutto questo, ha spiegato, è dovuto alla vaccinazione, con quasi 16 milioni di persone vaccinate e che la vaccinazione viene completata ai gruppi più vulnerabili.

Inoltre, Pedro Sanchez ha anche risposto alla domanda se lo colpisce che nonostante l’abolizione della mascherina obbligatoria negli spazi aperti, gli spagnoli continuano a indossarla.

Secondo lui, il “processo di adattamento” si vedrà nei prossimi giorni alla nuova realtà, cioè alla vecchia normalità.

Tuttavia, ha aggiunto che i gruppi di età che hanno la vaccinazione completa sono i più prudenti e sono quelli che continuano a indossarla.

I viaggiatori che arrivano in Portogallo dal Regno Unito saranno obbligati da lunedì a mantenere 14 giorni di quarantena a meno che non abbiano completato il regime di vaccinazione, secondo un avviso emesso domenica tardi dal governo di António Costa.

Il Portogallo si unisce così alla lista dei paesi europei che hanno rafforzato le loro restrizioni a causa delle preoccupazioni per la diffusione di nuove varianti.