La SEPRONA individua una discarica illegale con gli escrementi degli allevamenti di pollame di 25.000 metri quadrati di estensione dove sono state sepolte 2.500 tonnellate di letame.

Una persona è stata arrestata e altre sei sono sotto inchiesta.

La squadra SEPRONA di Las Palmas, nel quadro dell’operazione STERCUS, ha arrestato durante il mese di giugno una persona e indagato altri sei per la presunta perpetrazione di un crimine contro le risorse naturali e l’ambiente e un altro reato di danno in cui sono stati coinvolti 8 aziende avicole.

Sono stati raccolti gli escrementi da queste aziende e si è creata una discarica illegale in una zona vulnerabile di inquinamento da nitrati di origine agricola con qualificazione di terreno rustico di protezione del paesaggio avendo conseguenze dannose nella contaminazione del suolo.

L’indagine è stata avviata a seguito di numerose e ripetute denunce dei vicini sulla proliferazione di mosche e cattivi odori in diverse aree urbane del comune di Las Palmas de Gran Canaria e Santa María de Guía durante il mese di ottobre 2020, avendo una grande ripercussione sociale attraverso i media.

Questa “peste” di mosche, odori esistenti in diverse aree dell’isola ha causato un problema di convivenza e di salute in diversi centri urbani motivo per cui gli agenti SEPRONA hanno focalizzato le loro indagini in questa ricerca.


Hanno rilevato e localizzato una società dedicata a raccogliere escrementi da almeno 8 grandi aziende avicole.

Dietro una giustificazione agricola è stata nascosta un’attività clandestina e lucrativa.

Questa azienda è stata presumibilmente dedicata a gestire come fertilizzante rifiuti in diverse aree dell’isola, per creare nella zona di Los Giles, una discarica illegale di circa 25.000 metri quadrati di estensione dove sono stati sepolti più di 2.500 tonnellate di letame.

Va notato che questo tipo di rifiuti è consentito per la concimazione in condizioni di proporzionalità per metro quadrato e deve essere sparso sul terreno nelle giuste proporzioni.

Inoltre, essendo letame di pollo, come viene chiamato questo tipo di letame, è uno dei più tossici se si supera la percentuale per metro cubo di raccolto e se non viene trattato con eccessiva umidità.

D’altra parte, questa discarica illegale ha colpito una zona vulnerabile alla contaminazione da nitrati di origine agricola con qualifica di Protezione del Paesaggio Rustico, il tutto con il conseguente danno al suolo e all’ambiente, oltre al disagio causato ai vicini.

Dopo l’arresto dei presunti colpevoli, l’attività di scarico nella zona è stata completamente paralizzata, e SEPRONA ha svolto le procedure appropriate che sono state consegnate alla Procura Ambientale di Las Palmas.