Il presidente dell’Associazione delle imprese di autonoleggio di Lanzarote spiega perché non ci sono quasi auto a noleggio sull’isola e quelle che esistono sono costose. “Abbiamo dovuto vendere per far quadrare i conti”, dice.

Noleggiare un’auto al giorno d’oggi nelle Isole Canarie è praticamente impossibile.

O non ce ne sono disponibili o quelli che sono disponibili sono a prezzi molto alti.

Un fatto che, come ha spiegato il presidente dell’Associazione delle imprese di autonoleggio dell’isola, Rita Hernandez, è una conseguenza della pandemia poiché ci sono state “aziende che hanno dovuto vendere quasi il 75% della loro flotta” per sopravvivere.

“Proprio come gli hotel, i ristoranti e i negozi qui, lì e ovunque hanno dovuto chiudere, le compagnie di rent-a-car hanno avuto la peggio, perché hanno dovuto vendere per pagare quella flotta”, ha detto Hernández.

Anche se le società di noleggio auto hanno potuto beneficiare dei crediti ICO, questi “devono essere rimborsati”.


“Gli ERTE non l’hanno fatto, ma gli ICO sì. Così, la maggior parte delle compagnie di noleggio auto dell’isola hanno venduto la maggior parte della loro flotta come potevano”, ha detto.

“E grazie a Dio sono riusciti a vendere, perché le società finanziarie vogliono i soldi mese per mese”, ha aggiunto Hernández, affermando che stanno “andando alla morte” con gli imprenditori. 

Ha insistito sul fatto che le aziende non hanno avuto altra scelta che “vendere per essere in grado di pagare e sopravvivere” ed è stato grato che, durante la pandemia, c’è stata “molta domanda di auto di seconda mano”.

“Ma cosa sta succedendo ora? A parte il problema della fornitura di auto, chi osa comprare?” ha aggiunto il presidente dell’Associazione delle imprese di autonoleggio di Lanzarote, indicando l'”incertezza” che ancora esiste nel settore del turismo. 

Tuttavia, Rita Hernández crede che sia ancora necessario essere “prudenti” e “andarci piano”.

Per questo motivo, anche se si è detta dispiaciuta “per le persone che vogliono venire sull’isola e che hanno scoperto che non ci sono auto a noleggio o che quelle che sono disponibili sono costose”, spera anche che “non si ricada dove siamo caduti tre o quattro anni fa, quando le auto erano 12 o 15 euro al giorno”.

Crede che le aziende non potranno arrivare “da nessuna parte” in questo modo.