Il Ministero della Salute del Governo delle Isole Canarie ha informato che a partire dal 1° ottobre, l’ordine che impone ai viaggiatori nazionali di essere sottoposti a screening all’arrivo nelle Isole Canarie, sia per via aerea che marittima, che è stato stabilito in dicembre per contenere la trasmissione della SARS-CoV-2, non sarà prorogato.

A partire dal 1° ottobre, quindi, non sarà più necessario per la popolazione nazionale di età superiore ai 12 anni presentare un certificato di vaccinazione contro il COVID-19 o un test negativo o la prova di aver superato la malattia.

Questa misura è adottata tenendo conto dell’evoluzione epidemiologica favorevole dell’arcipelago, dato che l’incidenza cumulativa nelle isole e nel resto della Spagna è bassa e il livello di vaccinazione sia nelle Canarie che nel resto delle comunità autonome è alto, secondo una nota del Ministero della Salute.

Lo screening dei viaggiatori è entrato in vigore il 18 dicembre e continua ininterrottamente da allora per fermare la diffusione del virus e coprire tutti i periodi di alta mobilità, soprattutto durante le vacanze.

Il novantaquattro per cento dei viaggiatori che arrivano nelle Isole Canarie dal resto della Spagna, per via aerea o marittima, dall’inizio del programma di screening negli aeroporti delle isole ha fornito un test diagnostico negativo o un certificato di vaccinazione.

I viaggiatori che non hanno presentato nessuno dei certificati consentiti, o il cui certificato non è stato convalidato, sono stati identificati, registrati e messi in isolamento fino all’ottenimento di un risultato negativo del test diagnostico a destinazione.


Il test diagnostico, sia all’origine che a destinazione, era gratuito per i viaggiatori residenti nelle Isole Canarie che provenivano dal resto del territorio nazionale e che effettuavano il test nei centri approvati a tal fine dal Servizio Sanitario delle Canarie.

Sanidad chiarisce che, tuttavia, rimane in vigore il regolamento che disciplina le condizioni di accesso agli alloggi turistici nelle isole Canarie, per cui i maggiori di 12 anni devono presentare un certificato di vaccinazione, un test diagnostico negativo per l’infezione attiva o la prova di aver superato la malattia.

Sono escluse da questa regola le persone che possono dimostrare di essere residenti nelle Isole Canarie e dichiarare sotto la loro responsabilità di non aver lasciato il loro territorio nei 15 giorni precedenti al loro arrivo nello stabilimento, e di non aver avuto sintomi compatibili con il virus durante questo periodo.

Le persone, indipendentemente dal loro luogo di residenza, che possano dimostrare di essere state fuori dalla Comunità Autonoma delle Isole Canarie per un periodo inferiore a 72 ore prima del loro arrivo, essendo rimaste nel territorio durante i 15 giorni precedenti al suddetto periodo di assenza inferiore a 72 ore, e che dichiarino inoltre sotto la loro responsabilità che durante questo periodo non hanno avuto sintomi compatibili con la COVID-19.