Secondo i dati della Banca di Spagna, i canari hanno un debito medio di 2.929 euro, lontano dalla media spagnola (6.584) e dalla comunità più indebitata, la Catalogna (10.673).

I cittadini spagnoli devono in media 6.584 euro a testa per l’indebitamento delle loro rispettive comunità autonome, un importo che sale a 10.673 euro nel caso dei catalani e scende a 2.929 euro nel caso dei canari, la cifra più bassa.

Secondo la Banca di Spagna, molto vicina alla cifra della Catalogna è la Comunità Valenciana, con 10.673 euro per abitante; e anche sopra la media sono le Isole Baleari (7.675), Castiglia-La Mancia (7.637), Murcia (7.371) e Aragona (6.745).

La cifra più bassa è quella delle Isole Canarie, con 2.929 euro, e anche sotto la media sono Andalusia (4.185), Galizia (4.476), Asturie (4.802), Estremadura (5.029), Madrid (5.212), Paesi Baschi (5.280), La Rioja (5.373), Navarra (5.503) e Castiglia e Leon (5.567).

I dati forniti questa settimana dalla Banca di Spagna, riferiti al secondo trimestre, mantengono la Catalogna come la comunità con il maggior indebitamento, 81.862 milioni di euro, davanti alla Comunità Valenciana, con 51.747 milioni.

Quest’ultima ha il più alto debito in relazione al PIL regionale, 47,8%, seguito da Castiglia-La Mancia, con 39,2%, Catalogna, con 37,1%, e Murcia, con 37%.


Le Isole Baleari (29,7%) e l’Estremadura (27,6%) sono anche sotto la media in questo indicatore, mentre il debito più basso rispetto al PIL è nelle Isole Canarie (15%) e Madrid (15,7%).

Rispetto al secondo trimestre del 2020, solo tre comunità hanno ridotto il loro indebitamento: Asturie, del 2,23%; Madrid, dell’1,27%, e Navarra, dello 0,25%.

Complessivamente, le comunità autonome hanno aggiunto 4.345 milioni di debito nel secondo trimestre, in aumento del 2,07% a 312.030 milioni, pari al 26,9% del PIL.

D’altra parte, le imprese pubbliche delle comunità autonome hanno accumulato un debito di 3.108 milioni di euro alla fine del secondo trimestre, di cui più del 90% corrisponde alla Catalogna, con 1.479 milioni di euro, e Madrid, con 1.355 milioni di euro.

Le imprese pubbliche basche hanno un debito di 128 milioni di euro; quelle aragonesi, 59 milioni di euro; quelle andaluse, 39 milioni di euro; quelle galiziane, 22 milioni di euro; quelle delle Baleari, 9 milioni di euro; quelle cantabriche e navarresi, 6 milioni di euro; quelle asturiane, 4 milioni di euro; e quelle valenciane, 1 milione di euro.