Questa azione fa parte della strategia Blue Intelligence della LPA, un programma con 11 progetti e 8 milioni di investimento che permetterà alla città di essere all’avanguardia delle “Smart Cities” nazionali.

Il Dipartimento dell’Innovazione Tecnologica e il Dipartimento della Città del Mare hanno iniziato a lavorare sull’installazione di sensori, dispositivi di conteggio e stazioni meteorologiche per ottimizzare le strutture e i servizi della spiaggia.

L’assessore alla Città del Mare, José Eduardo Ramírez, e l’assessore all’Innovazione Tecnologica, Mario Regidor, hanno supervisionato oggi l’inizio dei lavori di modernizzazione delle attrezzature tecnologiche della spiaggia di Las Canteras, attraverso il progetto Smart Beach, un’azione che fa parte della strategia di trasformazione tecnologica chiamata ‘LPA Blue Intelligence’.

Questa infrastruttura di sensorizzazione è costituita da tutti i dispositivi elettronici di misurazione e comunicazione che saranno distribuiti intorno al lungomare di Las Canteras: 80 dispositivi di conteggio delle persone e 3 stazioni meteorologiche, oltre a misuratori di flusso ed elettrovalvole per controllare il consumo di acqua nelle docce e sensori volumetrici per i cestini dei rifiuti lungo la costa.

Nelle parole di Ramírez, questo intervento permetterà di “ottimizzare tutte le risorse del nostro grande gioiello della città, sensorizzando i dintorni del lungomare per migliorare e dimensionare servizi come la pulizia, la raccolta dei rifiuti, la capacità di parcheggio, il trasporto pubblico, l’uso e la spesa dell’acqua nelle docce, le informazioni meteorologiche, l’illuminazione e la misurazione del rumore, tra altre variabili”.

“Questa azione permetterà di aumentare o razionalizzare le risorse destinate alla spiaggia a seconda dell’afflusso di persone o del contesto corrispondente, sia con l’arrivo di navi da crociera, lo svolgimento di eventi nella zona o altre variabili mutevoli come la temperatura, la pioggia o le stagioni dell’anno”, ha spiegato il sindaco di Ciudad de Mar.


Ha anche sottolineato che “tutti i dati estratti da questa sensorizzazione generale alimenteranno la piattaforma digitale gestita dall’area di Innovazione Tecnologica, che permetterà lo sviluppo di indicatori per prendere le migliori decisioni nella gestione efficiente delle infrastrutture della spiaggia”.

Da parte sua, Regidor ha sottolineato che “l’automazione di queste risorse permetterà di intensificare i servizi in base alle mutevoli esigenze degli utenti di Las Canteras e delle zone circostanti, stabilendo un sistema di raccolta dei rifiuti in base allo stato dei cestini, così come facilitare una maggiore frequenza del trasporto pubblico in certi momenti se necessario, o la presenza di più agenti di sicurezza in occasione di eventi con un alto numero di persone”.

“Smart Beach” è uno dei principali progetti di LPA Inteligencia Azul, un programma che permetterà alla città di essere all’avanguardia delle “Smart Cities” nazionali, il cui 70% è finanziato con fondi europei (FESR).

“Lungo il lungomare di Las Canteras, saranno installati 80 dispositivi per quantificare il numero di persone che accedono alla spiaggia, così come il grado di occupazione del lungomare attraverso questo sistema di conteggio”, ha aggiunto Regidor.

Ci saranno anche tre stazioni meteorologiche che incorporano sensori di temperatura e umidità, radiazione solare visibile, velocità e direzione del vento, tasso di precipitazione, pressione atmosferica e rumore.

Tutti questi dispositivi avranno connettività LoRa – tecnologia di modulazione ad alto spettro.

La sensorizzazione del consumo d’acqua nelle docce della spiaggia sarà effettuata per mezzo di un contatore di flusso con un sensore di impulsi e un dispositivo speciale che conta gli impulsi dal contatore, inviando l’informazione periodicamente.

Allo stesso tempo, il progetto include sensori volumetrici di bidoni che compongono un sistema integrato che ottimizza il servizio di raccolta dei rifiuti urbani grazie alla misurazione remota e in tempo reale del livello di riempimento dei bidoni, trasformando ogni bidone in un elemento attivo e intelligente.

I 20 sensori che saranno installati lungo il lungomare di Las Canteras misureranno autonomamente il livello di riempimento del cestino, la temperatura all’interno del cestino o rileveranno qualsiasi movimento improvviso, ottenendo anche una serie di dati in tempo reale come i percorsi di raccolta ottimali o statistiche utili per razionalizzare o aumentare le risorse.