I pappagalli sono stati consegnati in una valigia in un campo aperto a Las Remudas.

Il centro ricreativo e culturale di Los Olivos riprende possesso dei due pappagalli blu che erano stati rubati da cinque uomini incappucciati la settimana scorsa.

I proprietari del complesso hanno dovuto pagare un riscatto di 1.000 euro per recuperare i pappagalli, che erano rinchiusi in una casa a Las Remudas.

Gli aggressori hanno messo gli animali in una valigia, li hanno lasciati in un terreno libero nel quartiere e se ne sono andati senza essere visti sabato sera, dopo aver ottenuto il denaro.

María Moreno, direttrice dello zoo situato a Rosiana, spiega che venerdì scorso hanno ricevuto una chiamata da un vicino del quartiere di Las Remudas che li informava del luogo esatto dove credeva si trovassero i due uccelli.

“Abbiamo immediatamente chiamato la polizia per andare a cercarli”, dice.


Gli agenti si sono avvicinati e hanno chiesto ai residenti di entrare nella casa, ma si sono rifiutati e senza un mandato di perquisizione hanno dovuto andarsene.

“Era già tardi, quindi ci hanno detto che non potevano fare nulla fino alla prossima settimana – questo per il lettore – ma avevamo paura che avrebbero fatto qualcosa agli ara, avendo già avuto contatti con la polizia”, spiega Moreno.

Per questo motivo hanno chiesto al vicino di casa di Las Remudas che per primo li ha avvisati della posizione degli animali di offrire ai responsabili del furto del denaro per il loro recupero.

“Prima abbiamo offerto 500 euro, ma non hanno risposto e abbiamo finito per alzare l’offerta a 1.000 euro”, aggiunge il manager, che dice che hanno finito per accettare questo secondo importo.

“L’abbiamo dato all’intermediario e quando è arrivato ci hanno dato un indirizzo per ritirarlo”, spiega.

Infine, uno dei dipendenti della fattoria ha finito per andare in un campo aperto nel quartiere di Las Remudas, dove ha trovato una valigia chiusa con i pappagalli dentro.

Ritornati alla fattoria uno degli ara era stato colpito alla testa e quasi tutte le piume erano state strappate dalla coda.

Entrambi erano spaventati, affamati e assetati e non appena hanno visto il loro custode principale sono volati da lui in cerca di protezione. “Ora stanno bene, sono felici”, conclude il responsabile della fattoria.

Moreno aggiunge anche che ieri è andata alla stazione di polizia per fare una dichiarazione sul recupero dei pappagalli.

“Non sappiamo come procederanno ora, mi hanno detto che l’inchiesta era aperta e che la polizia giudiziaria era incaricata del caso”, aggiunge.

Infatti, le cinque pistole airsoft che sono state rubate dagli assalitori il martedì della scorsa settimana insieme alle ara devono ancora essere recuperate.

Si tratta di quattro pistole e un fucile che sembrano molto simili alle armi reali, quindi il loro recupero è urgente per evitare rapine o coercizioni con questi strumenti.