La Direzione Generale del Traffico (DGT) sta studiando l’introduzione di una nuova patente di guida entro un anno.

Si tratta di una licenza che autorizzerà la guida di quadricicli pesanti, un tipo di veicolo che sta diventando sempre più comune nelle città e che, soprattutto, è caratterizzato da dimensioni ridotte, basso inquinamento (la maggior parte sono elettrici e producono zero emissioni), e una potenza massima di 20,4 CV.

La principale novità di questa licenza è l’età dei conducenti, che sarà fissata a 16 anni.

La licenza, nota come B1, sarebbe un passo precedente alla patente B, che autorizza i conducenti a guidare autovetture e per la quale l’età minima di accesso è di 18 anni.

La B1, infatti, esiste già in paesi dell’UE come Portogallo, Italia, Francia e Regno Unito. Il quadro giuridico per la B1 esiste nell’UE dal 2006, ma la presenza limitata di questo tipo di veicolo sul mercato ha rallentato la sua attuazione.

Ora, con l’orizzonte della piena mobilità elettrica sempre più vicino, la DGT e la società privata PONS Seguridad Vial, insieme con l’Associazione imprenditoriale per lo sviluppo e la promozione della mobilità elettrica (AEDIVE), studierà la creazione della nuova licenza.


Il suo obiettivo è quello di facilitare “un accesso razionale e scaglionato alla guida dell’auto”, oltre a familiarizzare i giovani con nuove forme di mobilità.

Secondo l’INE, circa un milione di giovani in Spagna potrebbero beneficiare di questo cambiamento.

Anche se il modo per ottenere la licenza deve ancora essere deciso – il progetto è ancora in fase embrionale – le organizzazioni dietro il progetto dicono che i candidati dovranno fare lo stesso test teorico che per la licenza B. Inoltre, ci sarà una parte pratica.

In questo modo, il meccanismo sarà simile allo schema attuale per le licenze di moto A1 e A2. La parte teorica per la prima patente, una volta superata, sarà valida per la seconda, e solo la parte pratica varierà, adattata alle differenze di ogni veicolo.

Oltre all’impegno ambientale, le organizzazioni che promuovono la nuova licenza sottolineano che la sua introduzione rafforzerà la sicurezza stradale.

La B1 permetterà a molti giovani di guidare veicoli più sicuri delle autovetture e dell’attuale categoria di quadricicli leggeri nella categoria L6.

I quadricicli pesanti della categoria L7 potranno pesare fino a 400 chili e raggiungere fino a 90 chilometri all’ora, oltre a guidare sulle arterie cittadine, autostrade e superstrade.