Dovranno registrarsi sul sito web del Comune di Las Palmas de Gran Canaria per poter fare una videoconferenza con le loro Maestà.

La tecnologia collegherà ancora una volta i Re Magi d’Oriente in videoconferenza con 6.000 famiglie nella capitale di Gran Canaria, con un periodo di registrazione che è già aperto per coloro che desiderano contattare Melchiorre, Gaspare o Baldassarre questo Natale.

Registrazione per partecipare a questi incontri digitali in cui ogni re condividerà tra cinque e dieci minuti con ogni famiglia si è aperta lunedì 13 dicembre alle 9:00 attraverso un link che sarà ospitato sul sito web lpacultura.com.

Questo link porta alla piattaforma LosReyesMagos.tv, (laspalmas.losreyesmagos.tv), un progetto digitale che permetterà ai Re di attivare un’agenda completa per accedere a centinaia di bambini al giorno.

Dopo il successo dell’iniziativa che l’anno scorso ha portato le Loro Maestà i Re Magi in contatto con 5.000 case della capitale, il Comune di Las Palmas de Gran Canaria offre anche quest’anno questa proposta a migliaia di bambini affinché possano collegarsi in videochiamata con il loro Saggio preferito, sempre previa registrazione gratuita.

La procedura può essere fatta da un PC, Mac, tablet o telefono cellulare compatibile con la piattaforma LosReyesMagos.tv, da dove si consiglia di scaricare l’applicazione per IOS e Android.


Da quel momento in poi, l’unico requisito è quello di avere una webcam e un microfono compatibili e di essere disponibile nell’orario precedentemente indicato, sempre tra le 11 e le 14 o le 17 e le 21 nei giorni tra il 26 dicembre e il 5 gennaio.

La scadenza per richiedere una di queste 6.000 esperienze magiche e mantenere viva l’illusione del Natale in questi tempi complicati dalla pandemia è il 25 dicembre.

Las Palmas de Gran Canaria non avrà una sfilata tradizionale questo Natale.

Si prevede che i Re viaggeranno attraverso i quartieri della capitale in modo che i bambini possano vederli dalle loro finestre o porte.

Il sindaco di Las Palmas de Gran Canaria, Augusto Hidalgo, ritiene che “lo scenario per tenere la sfilata dei Re Magi nel suo formato tradizionale è sempre più complicato” anche se assicura che “i bambini vedranno i Re Magi”.

Per quanto riguarda la pianificazione della sfilata, “non ci sono nuovi sviluppi”, quindi “la possibilità del piano A e del piano B è prevista”.

Lo scenario “in cui ci stiamo muovendo è sempre più complesso” perché si tratta di “un evento multitudinario, impossibile da contenere”, che riunisce circa 120.000-150.000 persone” e che si conclude nella via principale di Triana, una zona commerciale di “grande affluenza”.